top of page

Cina: il PCC assorbe le aziende private. Il nuovo capitalismo con caratteristiche del partito-stato

Il controllo di Xi Jinping sulle aziende cinesi si fa sempre più stretto. E' una “nuova fase” definita nello sviluppo della RPC: l’affermazione delle priorità del partito nell’economia nazionale. I prerequisiti di questo processo sono quelli di ridimensionare l’importanza della crescita del PIL nella pianificazione economica a favore di uno sviluppo “di alta qualità” e “centrato sulle persone”, attuare dolorose riforme strutturali e dare un ruolo più prominente al partito-stato. La sua strategia incorpora tre programmi chiave: Disaccoppiamento offensivo: diminuire la dipendenza della RPC dal mondo rendendolo al contempo sempre più dipendente dalla Cina. Leva: sviluppare l’autosufficienza della RPC nei settori ad alta tecnologia accumulando leva sui flussi di risorse globali, sulle catene di fornitura tecnologica e sul talento umano. Coercizione: usare le dimensioni dell’economia della RPC - quella che Xi Jinping definisce un’economia “potente con campo gravitazionale” - per sfruttare le vulnerabilità economiche degli altri.

Fondamentalmente, questo è un programma non per eliminare il capitale privato ma per sfruttarlo. Ciò che ci aspetta è incerto. Come minimo, VC, gestori di fondi, società e gli altri investitori dovranno tenere conto del fatto che Xi è stato in parte “rettificato” e più guidato dal partito e ciò comporta che nel settore privato le imprese non sono più private in alcun senso significativo del termine. Sono fuse con lo stato-partito e quindi sono meno innovative, meno agili, più difficili da valutare e destano più sospetti nelle capitali straniere. La Cina, come ha affermato, ora vuole “gestire l’attività”. Tra le conseguenze preoccupanti per gli investitori stranieri c’è il fatto che più le aziende fanno per allinearsi alle priorità di Pechino ed evitare le ire di Xi, più rischiano di finire nel mirino di Washington e di altre capitali democratiche


di Nicola e Gabriele Iuvinale



Nel 2020-2021 i mercati globali sono stati messi in difficoltà dalle restrizioni normative in danno di alcune delle aziende più note della Repubblica popolare cinese (RPC) quali Alibaba, Ant, Meituan e Didi Chuxing.

Mentre gli investitori stranieri speravano nella fine della repressione è stato invece bruciato il valore delle azioni delle società cinesi quotate negli Stati Uniti. A metà del 2021, Xi Jinping e il Partito Comunista Cinese (PCC) si sono lanciati in un massiccio impegno strutturale per ripristinare la situazione finanziaria e l’autorità politica del partito nel panorama economico della RPC.

Tuttavia, la repressione di Xi e la distruzione del valore di mercato dall’inizio di questo decennio non sono state un evento aberrante.

Piuttosto, rappresentavano parte di una “nuova fase” definita nello sviluppo della RPC: l’affermazione delle priorità del partito nell’economia nazionale.

Xi Jinping e il Politburo del PCC hanno annunciato al mondo che la RPC è entrata a far parte della “nuova fase” di sviluppo. Gli obiettivi definitivi di questa nuova fase sono il raggiungimento della “modernizzazione socialista” e il passare dall'“alzarsi e arricchirsi al diventare forti”.

I prerequisiti di questo processo sono quello di ridimensionare l’importanza della crescita del PIL nella pianificazione economica a favore di uno sviluppo “di alta qualità” e “centrato sulle persone”, attuare dolorose riforme strutturali e dare un ruolo più prominente al partito-stato.

Xi lo ha detto esplicitamente che il partito deve cercare di evitare il destino dell’Unione Sovietica: questo sviluppo deve portare ad una maggiore unità politica, non alla disintegrazione.

La sua strategia incorpora tre programmi chiave:

  • Disaccoppiamento offensivo. Diminuire la dipendenza della RPC dal mondo rendendolo al contempo sempre più dipendente dalla RPC.

  • Leva. Sviluppare l’autosufficienza della RPC nei settori ad alta tecnologia accumulando leva sui flussi di risorse globali, sulle catene di fornitura tecnologica e sul talento umano.

  • Coercizione. Usare le dimensioni dell’economia della RPC - quella che Xi Jinping definisce un’economia “potente con campo gravitazionale” - per sfruttare le vulnerabilità economiche degli altri.

Fondamentalmente, questo è un programma non per eliminare il capitale privato ma per sfruttarlo.

In nuovo rapporto congiunto della Hoover Institution e dell’Asia Society Center sulle relazioni USA-Cina, dal titolo "The CCP Absorbs China’s Private Sector: Capitalism with Party Characteristics" di Matthew Johnson, basato sui documenti del PCC, dimostra come la visione di Xi nell’economia della RPC, gli obiettivi statali vengono prima di tutto, la tecnologia è fondamentale e la sicurezza nazionale è alla base di tutto.

Johnson sostiene che, mentre la logica superficiale di ogni inasprimento normativo varia, quella del comune denominatore è la riaffermazione dell’autorità del partito-stato su aree in cui opera il settore privato che è cresciuto rapidamente o sta minacciando la visione del socialismo di Xi.

Ciò significa che Xi ha lanciato una massiccia impresa strutturale che sfrutta il capitale privato per ripristinare l’autorità politica del partito nel panorama economico cinese, preservando al tempo stesso la tecnologia e i flussi di capitale necessari per realizzare la sua ambizione di rendere la RPC la superpotenza dominante del mondo.

L’ambizione di Xi è di rendere la RPC la superpotenza dominante del mondo. Questa storia è in fase di scrittura secondo concetti strategici che per lo più sono sconosciuti agli osservatori non attenti; bisogna quindi tenere traccia della trasformazione organizzativa in corso da parte del partito dei mercati dei capitali e delle imprese private, dell’ideologia e delle politiche che sostengono lo sforzo totalizzante di Xi di ristrutturare politicamente l' economia.

Pertanto, oggi più che mai è necessario comprendere il corso economico e finanziario della RPC esaminando le priorità ideologiche della massima leadership di Pechino, con Xi in prima linea.

Termini come la “modernizzazione socialista” e la “finanza rossa”, per esempio, potrebbero avere poco significato al di fuori del partito-stato, ma stanno organizzando strutture per l’attività ufficiale che scorre verso il basso dal centro del partito attraverso i capillari del sistema politico leninista della RPC.

Johnson analizza questi programmi e conclude che non esiste un modo significativo per analizzare il settore privato della RPC a parte gli sforzi del PCC per sfruttare il capitale privato per obiettivi nazionali specifici come li definisce il partito: un elenco che include difesa, sorveglianza, propaganda, autosufficienza tecnologica. e l’influenza della catena di fornitura sull’economia globale.

L'autore costruisce la sua argomentazione sulle seguenti prove:

  • Il piano di Xi per proteggere il partito e il suo futuro si basa su un approccio a doppio binario: “lotta” geostrategica che mira a ripristinare il coordinamento socialista dell’economia interna della RPC mentre si impegna in una cooperazione opportunistica e in una lotta implacabile a somma zero per ottenere influenza e primato sull’Occidente.

  • La mobilitazione e il coordinamento del settore privato da parte del Partito a fini competitivi ha fatto affidamento su meccanismi organizzativi extralegali e altrimenti opachi per forzare conformità che sono in gran parte invisibili agli investitori stranieri e ai partner aziendali.

  • Il fulcro primario del controllo del partito è il suo apparato disciplinare interno: la Central Commission for Discipline Inspection (CCDI), un'organizzazione intrapartitica per indagare e punire le violazioni delle norme del PCC, come la corruzione e la politica sleale. Il CCDI è integrata in questo ruolo dalle forze di sicurezza statali, tra cui le autorità informatiche e meccanismi di coordinamento “più morbidi” come i governi locali e il sistema del Fronte Unito.

  • Casi di studio dettagliati delle società Alibaba e del suo partner strategico Ant Group

Questi risultati dipingono un quadro impegnativo per gli investitori, le imprese e i governi stranieri. Tutti dovranno lavorare in cooperazione con le entità controllate dal partito per mantenere l’accesso all’economia della RPC. I venture capital, i gestori di fondi, le aziende e gli altri investitori dovranno considerare che, nel settore privato guidato dai partiti di Xi, le aziende non sono più private nel vero senso della parola. Sono fuse con lo stato-partito e sono quindi meno innovative, meno agili, più difficili da valutare – e destano più sospetti nei capitali stranieri.

Gli investitori stranieri, le imprese e i governi devono affrontare nuovi rischi in un’economia della RPC in cui gli obiettivi statali vengono prima di tutto e la sicurezza nazionale è alla base di tutto. Il PCC assorbe il settore privato cinese: il capitalismo con caratteristiche di partito fornisce una guida a questo contesto.

La metodologia utilizzata in questo rapporto si basa su un’ampia gamma di fonti online e altre fonti disponibili al pubblico. Molte di queste fonti sono state trascurate nei dibattiti pubblici.

Tale ricerca è stata preziosa nel documentare i modi in cui le distinzioni tra imprese “statali” e “private” sono sempre più sfumate nell’economia della RPC, come risultato dell’imposizione da parte di Xi Jinping di nuove forme di influenza del PCC sul capitale privato. Mentre i dibattiti riguardanti la natura e la portata del controllo dei partiti sul settore aziendale continueranno, rimangono due questioni importanti: la natura della politica del PCC nei confronti del settore privato e i modelli organizzativi di governo dei partiti all'interno delle imprese private. Le conseguenze di queste sempre più severe misure repressive nei confronti del settore privato, dei finanziatori e degli imprenditori sono stati sottoposti a nuovi oneri normativi ed extragiudiziali che rafforzano la costante espansione delle organizzazioni di partito nel settore privato.

Ciò che ci aspetta è incerto. Negli Stati Uniti, ha affermato l’amministrazione Biden che l’elaborazione di limiti agli investimenti in uscita destinati a settori specifici esiste già ed è in corso. Alcune società di venture capital hanno già risposto dividendo gli Stati Uniti e operazioni della RPC o mostrano segni di intenzione di farlo in futuro. Gli investimenti stranieri nella RPC sono crollati drasticamente.

Come minimo, VC, gestori di fondi, società e gli altri investitori dovranno tenere conto del fatto che Xi è stato in parte “rettificato” e guidato dal partito e ciò comporta che nel settore privato le imprese non sono più private in alcun senso significativo del termine. Sono fuse con lo stato-partito e quindi sono meno innovative, meno agili, più difficili da valutare e destano più sospetti nelle capitali straniere.

La Cina, come ha affermato, ora vuole “gestire l’attività”. Tra le conseguenze preoccupanti per gli investitori stranieri c’è il fatto che più le aziende fanno per allinearsi alle priorità di Pechino ed evitare le ire di Xi, più rischiano di finire nel mirino di Washington e di altre capitali democratiche.

The CCP Absorbs China's Private Sector
.pdf
Scarica PDF • 2.24MB

33 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page