top of page

Cuba, la porta d'ingresso della Cina in America Latina e nei Caraibi

Dopo la Guerra Fredda, L'Avana e Pechino hanno sviluppato un’alleanza forte e globale. Oggi la loro collaborazione è duplice: sostenere gli interessi cinesi nel LAC e soddisfare le esigenze strategiche della Cina nell'intelligence militare e nelle biotecnologie/neuroscienze


G e N Iuvinale


Cuba e Cina hanno formato un'alleanza post-Guerra Fredda.

L'Avana sostiene gli interessi cinesi in America Latina e nei Caraibi (LAC) per coprire il suo deficit economico, soddisfacendo al tempo stesso le esigenze strategiche di Pechino in termini di intelligence militare e biotecnologia.

Lo afferma un rapporto dal titolo Security Implications of the China-Cuba Alliance del think tank Global Americans.



Il presidente cinese Xi Jinping (al centro a destra) partecipa a un incontro con il primo vicepresidente del Consiglio di Stato cubano Miguel Diaz-Canel (al centro a sinistra) nella Grande Sala del Popolo il 18 giugno 2013. AFP PHOTO / POOL / Ed Jones (Il credito fotografico dovrebbe essere Ed Jones/AFP tramite Getty Images)


"Cuba è un partner scadente in termini di investimenti e scambi commerciali, non è riuscita a ripagare alla Cina miliardi di dollari in prestiti e necessita di grande sostegno e aiuti umanitari. Tuttavia, il Paese ha reso possibile l’offensiva economica, politica e geostrategica di enorme successo della Cina nella regione".


L’Avana, in quanto “scarso partner commerciale e di investimento”, non è stata in grado di pagare prestiti milionari alla Cina e ha bisogno di sostegno umanitario. Tuttavia, secondo il rapporto, ciò facilita l’avanzata dell’offensiva economica, politica e geostrategica del regime cinese nella regione.

La Cina è diventata il primo partner commerciale del Sud America e il secondo più grande della regione dopo gli Stati Uniti. Con un commercio in crescita da 12 miliardi di dollari nel 2000 a 445 miliardi di dollari nel 2021, la Cina si è assicurata nuovi mercati e un accesso privilegiato alle materie prime. I prestiti di circa 150 miliardi di dollari concessi da Pechino le hanno dato il controllo su progetti infrastrutturali critici, tra cui 56 porti e telecomunicazioni in 29 Paesi. Il personale militare della regione ora riceve una formazione sulla sicurezza informatica e sulla dottrina militare in Cina.


Tutto ciò ha accelerato i rischi di attività commerciali dannose, coercizione politica ed economica e attacchi asimmetrici alle infrastrutture. Inoltre, ha rafforzato la strategia cinese di fusione civile-militare che mira a rendere il suo esercito il più avanzato al mondo e in grado di sconfiggere gli Stati Uniti.

Con Xi Jinping, la Cina è diventata uno dei principali partner commerciali del Sud America. Garantisce i mercati e l’accesso alle materie prime strategiche, controlla i principali progetti infrastrutturali e diffonde la propaganda, afferma Global Americans.


Interesse marittimo

Alti funzionari cinesi hanno visitato Cuba 22 volte dal 1993, mentre i leader cubani si sono recati nella nazione asiatica 25 volte dal 1995. Durante una visita nel 2014, Xi Jinping ha sottolineato: “I nostri paesi stanno avanzando insieme nella costruzione del nostro socialismo e noi forniamo sostegno su questioni vitali”, ha riferito la rivista internazionale The Diplomat.

Pechino è consapevole dell'importanza geostrategica dell'Avana.

Data la sua posizione nei Caraibi, l’isola ha la capacità di influenzare l’accesso marittimo agli Stati Uniti sudorientali, che comprende rotte essenziali verso porti chiave come Miami, New Orleans e Houston.
La Cina cerca, dunque, l’accesso alla forza militare ed economica degli Stati Uniti.

Sostenendo Cuba economicamente, la Cina agisce come un catalizzatore indiretto dell’autoritarismo regionale fornendo risorse ai governi che rafforzano il loro controllo, modificano le costituzioni, limitano la proprietà privata, indeboliscono le istituzioni democratiche e reprimono il dissenso interno.


La Cina ha costruito una rete globale di porti legati al Partito Comunista Cinese (PCC), compresi 40 porti in America Latina. Sebbene vengano presentati come di natura commerciale, questi porti potrebbero diventare in futuro basi militari per la Marina cinese (PLANavy)

Spionaggio

L’influenza cinese nella nazione insulare va ancora oltre. Nel mese di giugno scorso, L'Avana e Pechino hanno raggiunto un accordo, in cambio di sostegno finanziario, per la creazione di una base con apparecchiature di sorveglianza elettronica per lo spionaggio.


La Cina dispone di basi militari e strutture di intelligence a Cuba dal 2019 e continua ad espandere la sua rete di intelligence globale.

Il think tank Center for a Secure Free Society ha evidenziato che i porti di proprietà cinese in America Latina offrono alla Cina posizioni strategiche nell’emisfero occidentale dal Perù al Messico, compreso Santiago de Cuba, insieme a 11 stazioni terrestri satellitari in Argentina, Bolivia, Brasile e Venezuela.


Sicurezza informatica

Ad aprile, Cuba e Cina hanno anche concordato di cooperare sulla sicurezza informatica per promuovere “sviluppo e benessere”, ha riferito il media cubano indipendente sulla tecnologia YucaByte .


L'approccio del governo cinese ad Internet si distingue per il controllo e la censura, a differenza di altri Paesi.

Il regime cubano di Miguel Díaz-Canel ha trovato in Huawei un alleato per bloccare i siti dei media ribelli indipendenti nell'isola, ha aggiuntoYucaByte. Il regime cubano utilizza l’infrastruttura di telecomunicazioni creata dalla mega impresa cinese per esercitare un controllo totale, seguendo il modello del PCC.


Anche con il sostegno cinese, Cuba monitora strategicamente il Venezuela ed espande l’autoritarismo digitale regionale, mentre il suo esercito di troll influenza il cyberspazio. La loro guerra dell’informazione ha persino confuso i controllori del traffico aereo a New York e bloccato le trasmissioni pro-democrazia in Iran, ha osservato Global Americans.


Gli Stati Uniti e l'Europa hanno da tempo espresso preoccupazione per le apparecchiature Huawei e ZTE a causa dei rischi per la sicurezza e per il timore che la Cina le utilizzi per lo spionaggio.



10 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page