top of page

I BRICS considerano una valuta sostenuta dall'oro per sfidare il dollaro USA

Il blocco commerciale anti-americano considera una valuta sostenuta dall'oro.




Dicono che non è tutto oro ciò che luccica. Ma per alcuni paesi, l'oro rappresenta un passo verso il disinvestimento dalla dipendenza dal dollaro USA.

Il blocco commerciale emergente di nazioni tra cui Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, comunemente noto come BRICS, ha creato fibrillazioni internazionali sul possibile annuncio di una valuta sostenuta dall'oro al vertice annuale di quest'anno.

La conferenza dei BRICS, che si terrà a Johannesburg, in Sud Africa, tra il 22 e il 24 agosto, affronterà i criteri di accesso per i candidati nuovi membri e discuterà un'agenda di espansione.

Attualmente, 22 paesi hanno chiesto di aderire al blocco commerciale.

"Ventidue paesi si sono formalmente avvicinati ai paesi BRICS per diventare membri a pieno titolo. C'è un numero uguale di paesi che hanno chiesto in modo informale di diventare membri BRICS", ha detto ai giornalisti a luglio l'ambasciatore BRICS del Sud Africa, Anil Sooklal.

Tra le nuove aspiranti all'adesione ci sono Iran, Arabia Saudita, Argentina ed Emirati Arabi Uniti, secondo Sooklal.

Ma il punto più sorprendente all'ordine del giorno del vertice è la presunta discussione di una moneta comune. I commenti dei funzionari russi sul tema hanno acceso il clamore internazionale in vista del vertice.

Un portavoce dell'ambasciata russa in Kenya ha dichiarato: "I paesi BRICS stanno pianificando di introdurre una nuova valuta commerciale, che sarà sostenuta dall'oro", come riportato inizialmente da RT News il 5 luglio.

Successivamente, dopo il vertice Russia-Africa di luglio, Aleksandr Babakov, vicepresidente della Duma di Stato russa, ne ha ribadito la volontà e ha affermato che i BRICS e altre nazioni africane stanno sviluppando una valuta comune per sfidare il dollaro USA.

“Questo non è lo yuan RMB e non il rublo. Esistono già alcune formulazioni. Il nome non è importante, ma dovrebbe essere un analogo del dollaro", ha detto Babakov.

“Dopotutto, i BRICS, oggi in termini di potenziale sono maggiori del G7. Cioè, il potenziale del mercato in cui questa valuta può funzionare è molto ampio. Non ci sono motivi per essere legati al dollaro”.

Alcuni esperti di materie prime ed economisti affermano che una valuta condivisa per il blocco commerciale, in particolare una valuta sostenuta dall'oro, potrebbe minacciare il dominio del dollaro USA. Tuttavia, ci sono ostacoli significativi che le ambiziose nazioni BRICS devono affrontare per prime.


Spada a doppio taglio

"Una valuta comune per i BRICS è un'idea tanto allettante quanto complessa. Anni fa, un incontro a pranzo con i rappresentanti delle banche centrali dei BRICS mi ha fatto riflettere sulle vere sfide nel trasformarla in realtà", ha detto Michael Barton a The Epoch Times.

Barton è consulente finanziario e collaboratore senior di Wallet Savvy. Ha notato che la diversa composizione economica delle nazioni BRICS, unita a tassi di inflazione variabili e delicati atti di bilanciamento commerciale, presenta ostacoli significativi al sogno di una valuta comune.

Detto questo, pensa che il fascino dell'autosufficienza e l'aumento del potere negoziale potrebbero motivare i paesi partecipanti a puntare all'oro.

"Una valuta condivisa dovrebbe superare gli ostacoli alla governance e la potenziale resistenza dei singoli alleati economici. La forza dei BRICS risiede davvero nella loro diversità, ma quando parliamo di una valuta unificata, questa forza diventa una sfida dalle molteplici sfaccettature. La spada della diversità è affilata da entrambe le parti", ha detto Barton.

E c'è già opposizione all'interno del blocco a una valuta condivisa.



Il ministro degli Affari esteri dell'India, S. Jaishankar, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa che il suo paese non ha intenzione di sostenere una valuta BRICS.

Invece, Jaishankar ha affermato che l'India sta dando la priorità al rafforzamento della rupia.

Sentito su un elenco di argomenti per il vertice BRICS, ha risposto: "Su ciò che discuteremo all'incontro BRICS, dovremo vedere perché ci sono molti altri problemi, ma non c'è idea di una valuta BRICS".

Dichiarazioni contraddittorie a parte, ci sono prove che i paesi membri stiano prendendo in seria considerazione una valuta sostenuta dall'oro.


Il biglietto d'oro

Quest'anno le banche centrali hanno acquistato oro a un ritmo record e i paesi BRICS sono tra i principali acquirenti. Nei primi due mesi del 2023, Cina, Russia e India hanno aumentato le loro riserve auree a un ritmo sorprendente.

Gli acquisti di lingotti d'oro in Cina hanno raggiunto quasi 40 tonnellate, mentre la Russia ha pesato 31,1 tonnellate. Anche l'India ha acquistato 2,8 tonnellate. La Cina ha aumentato le sue riserve auree per otto mesi consecutivi a partire da luglio di quest'anno.

Alla fine della giornata, le nazioni BRICS condividono un terreno comune essenziale: un desiderio profondamente radicato di abbandonare l'uso del dollaro USA.

Un recente rapporto di un investitore statunitense ha rilevato: "Per la prima volta in assoluto, la quota dei paesi BRICS nell'economia globale ha superato quella delle nazioni del G7... sulla base della parità di acquisto".

L'esperto finanziario Andrew Lokenauth ha dichiarato a The Epoch Times: "Una valuta sostenuta dall'oro avrebbe probabilmente un impatto significativo sul dollaro USA come valuta di riserva globale. Se i paesi BRICS iniziassero a utilizzare una valuta sostenuta dall'oro per il commercio, ridurrebbe la loro dipendenza da il dollaro americano".

Lokenauth ha lavorato per le migliori aziende di Wall Street e ha fondato TheFinanceNewsletter.com. Crede che una valuta BRICS potrebbe portare a un calo complessivo del valore del dollaro USA poiché non sarebbe più così ampiamente utilizzato.

"Inoltre, una valuta sostenuta dall'oro sarebbe più stabile del dollaro USA, che è spesso volatile a causa di fattori politici ed economici. Ciò potrebbe renderlo un'opzione più attraente per i paesi che cercano una valuta sicura e affidabile da detenere", ha aggiunto.

Detto questo, Lokenauth ha aggiunto molti ostacoli tra l'idea e l'implementazione di successo di una valuta condivisa. L'insider finanziario e collaboratore senior di MoneyInc, Andrew Gosselin, lo ha sostenuto.

"L'idea di una valuta comune è affascinante, ma non dimentichiamo l'esperienza dell'Unione Europea. L'euro ha una serie di sfide. Con i BRICS, hai a che fare con nazioni culturalmente, politicamente ed economicamente diverse", ha detto Gosselin.

Ha affermato che, oltre alle enormi sfide logistiche, ci sono questioni come l'orgoglio nazionale, i controlli normativi e le priorità individuali da considerare.

"Prendi il settore agricolo brasiliano o l'industria IT indiana; hanno esigenze diverse. Un approccio unico per tutti? Improbabile".

Tuttavia, Gosselin ammette che anche il sussurro di una valuta BRICS sostenuta dall'oro avrebbe delle increspature nella comunità internazionale. In particolare per gli Stati Uniti.

Gli analisti finanziari, economici e politici generalmente concordano sul fatto che i tentativi di far circolare una valuta comune tra le nazioni BRICS hanno il potenziale per minacciare il dollaro USA - parola chiave, potenziale - ma l'impatto sarebbe probabilmente un sottoprodotto a lungo termine. Non dall'oggi al domani.

I think tank occidentali hanno anche etichettato una potenziale valuta BRICS come un trampolino di lancio fondamentale per il piano di "de-dollarizzazione" della Cina per sradicare l'egemonia economica e geopolitica degli Stati Uniti.


L'annuncio di una valuta condivisa per il blocco commerciale ha ancora molta strada da fare, ma sono ancora possibili ondate economiche e di mercato a breve termine.

"Quando ero profondamente assorbito dal mio lavoro presso Cargill Investor Services, il polso delle dinamiche valutarie aveva tutta la mia attenzione. È qui che ho realizzato la reale fragilità della finanza e come un semplice suggerimento di cambiamento possa smuovere le calme acque del mondo globale economia", ha detto Barton.

Lokenauth, Gosselin e Barton concordano sul fatto che la semplice menzione di una valuta sostenuta dall'oro creerebbe probabilmente un picco nel prezzo del metallo.

"Questo perché gli investitori vedrebbero l'oro come un investimento più attraente, poiché sarebbe sostenuto da un paniere di valute delle principali economie", ha affermato Lokenauth.

E sebbene il dollaro USA non abbia agganciato il suo carro al metallo prezioso dal 1971, una valuta BRICS riporterebbe il metallo nella sfera di rilevanza per i biglietti verdi americani. Allo stesso tempo, quest'anno la Cina ha continuato a fare pressioni sui suoi partner commerciali affinché smettessero di detenere riserve e commerciare in dollari.


Problemi di espansione

Un tentativo di valuta BRICS non è una novità. Ma quest'anno, il concetto ha guadagnato nuovo slancio tra la disperazione della Russia di uscire dalle sanzioni statunitensi e una valanga di nuove domande di adesione.

Tuttavia, non tutti i membri del blocco commerciale sono entusiasti di espandersi. Più paesi arrivano più aumentano le lotte di potere.

Fino a questo punto, Russia e Cina hanno guidato la proverbiale barca dei BRICS.

Tuttavia, gli analisti hanno sottolineato che portare nuovi membri da altri regimi autoritari, come l'Iran o l'Arabia Saudita, richiederà una più ampia distribuzione di potere e influenza.

E storicamente, la condivisione del potere non è qualcosa che la Russia o la Cina hanno mai fatto.

C'è già una forte opposizione alla crescita all'interno del blocco esistente. Il Brasile e l'India sono stati apertamente riluttanti ad espandere l'adesione ai BRICS.

Alcuni hanno attribuito ciò alla paura di perdere influenza all'interno del blocco e ad una maggiore possibilità di lotte intestine tra le nazioni partecipanti.

E questo va davvero al centro di qualsiasi discussione sulla valuta comune per i paesi BRICS. Al di là del reciproco desiderio di soppiantare il dollaro USA e diventare un "re" economico, gli stati membri hanno poco altro in comune.

Tuttavia, gli analisti avvertono che gli Stati Uniti non dovrebbero scrollarsi di dosso la nozione di concorrenza così facilmente.

"Ho visto i critici respingere l'idea della valuta BRICS come mera fantasia", ha detto Barton, poi ha aggiunto: "Ma, in un mondo in rapida evoluzione, l'influenza economica dei BRICS potrebbe dar vita a questo concetto. È saggio preparati per l'invisibile ... la sua stessa contemplazione segnala un cambiamento nel panorama finanziario globale".

23 visualizzazioni0 commenti
bottom of page