top of page

Il bilancio nascosto della spesa militare cinese. L'esborso è maggiore di quanto si credesse

La spesa militare della Cina è maggiore di quanto si credesse. L’intelligence statunitense ha recentemente scoperto che la Cina può spendere fino a 700 miliardi di dollari l'anno, consentendole di sfidare gli Stati Uniti per la supremazia militare, molto prima di quanto si credesse inizialmente. Il budget militare statunitense è di 857,9 miliardi di dollari. Uno dei modi attraverso i quali Pechino ha mascherato le sue spese è stato quello di indirizzare il denaro verso la fusione militare-civile, in base alla quale il governo centrale fornisce denaro alle aziende private per sviluppare tecnologie a duplice uso. L'anno scorso, le esportazioni cinesi di armi sono diminuite del 23%. Uno dei motivi potrebbe essere che la Cina sta accumulando armi in preparazione alla guerra.

La spesa militare della Cina è maggiore di quanto si credesse; Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) ha recentemente chiesto di aumentare il bilancio della difesa statunitense.

L'obiettivo del leader cinese Xi Jinping per l'Esercito popolare di liberazione (PLA) è raggiungere la superiorità militare sugli Stati Uniti entro il 2050. Il raggiungimento di questo obiettivo dipende direttamente dalla quantità di denaro che le due nazioni spendono per la difesa. In precedenza, si riteneva che la Cina spendesse annualmente 224,79 miliardi di dollari, una frazione del budget militare statunitense di 857,9 miliardi di dollari.

Tuttavia, l’intelligence statunitense ha recentemente scoperto che la Cina può spendere fino a 700 miliardi di dollari annui, consentendole di sfidare gli Stati Uniti per la supremazia militare molto prima di quanto si credesse inizialmente. Questa nuova rivelazione preoccupa i legislatori del Congresso americano

Uno dei modi attraverso i quali Pechino ha mascherato le sue spese è stato quello di indirizzare il denaro verso la fusione fusione militare-civile, in base alla quale il governo centrale fornisce denaro alle aziende private per sviluppare tecnologie a duplice uso.

In pratica le spese sono state occultate.

Alcune delle aree più critiche dello sviluppo militare, come la costruzione navale, la tecnologia dell’informazione e l’aerospaziale, vengono finanziate in questo modo. Si prevede che questi tre domini giocheranno il ruolo più importante in qualsiasi guerra tra Stati Uniti e Cina.

Un pericolo particolare per quanto riguarda la tecnologia dell’informazione e l’aerospaziale è che la capacità di dominare il cyberspazio o di danneggiare o disabilitare i satelliti sarà cruciale nella guerra del 21° secolo.

Potrebbe lasciare navi e aerei nell’impossibilità di navigare o comunicare o impedire agli Stati Uniti di dirigere i propri missili verso obiettivi.

La guardia costiera cinese e la milizia marittima delle forze armate popolari non sono neppure coperte dal bilancio della difesa.

Queste due forze hanno spinto in modo aggressivo le rivendicazioni territoriali del Partito Comunista Cinese (PCC) nel Mar Cinese Meridionale, oltre a condurre attività di spionaggio nel Golfo del Bengala. Portano armi e rispettano gli obiettivi di politica estera di Pechino, ma non sono considerati parte della Marina dell'EPL.

La Cina è uno dei cinque maggiori importatori di armi al mondo. Negli ultimi cinque anni, le importazioni di armi dalla Cina sono aumentate, delle quali l’83% proviene dalla Russia.
La Cina importa principalmente armi e tecnologie che non possono essere prodotte a livello nazionale, come capacità di attacco a lungo raggio, aerei da combattimento e missili. Queste importazioni non contano nelle cifre ufficiali sulla spesa per la difesa di Pechino. La ricerca e lo sviluppo sono altre grandi spese non imputate al bilancio della difesa del paese.

La parità del potere d’acquisto è un’altra ragione per cui la spesa cinese potrebbe essere amplificata.

Poiché la manodopera e molti prodotti e servizi di base sono molto più economici in Cina che negli Stati Uniti, Pechino può acquistarne di più con un budget inferiore.

Gli stipendi dei soldati sono molto più alti negli Stati Uniti che in Cina. Nella PLA ha uno stipendio iniziale di $ 108 al mese. Nell'esercito americano è di 1.918 dollari.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti sono stati afflitti dall’inflazione, con prezzi in aumento in media di quasi il 18% dall’inizio dell’amministrazione Biden. La Cina, al contrario, si trova ad affrontare la deflazione. Mentre i prezzi salgono negli Stati Uniti, scendono in Cina, consentendo al PCC di acquistare più beni e servizi per la PLA.

Sebbene il bilancio della difesa cinese sia aumentato costantemente, anno dopo anno, le esportazioni cinesi di armi sono in calo.

L'anno scorso, le esportazioni cinesi di armi sono diminuite del 23%. La Russia ha superato la Cina come principale trafficante di armi in Africa.

L’Europa, la parte del mondo che ha visto il maggiore aumento negli acquisti di armi, ottiene la maggior parte delle sue importazioni di armi dagli Stati Uniti.

Uno dei motivi potrebbe essere che la Cina sta accumulando armi in preparazione alla guerra.

La marina e l’aeronautica militare della PLA minacciano sempre più il mare e lo spazio aereo attorno a Taiwan. In risposta, gli Stati Uniti stanno rafforzando i propri legami di difesa con Taiwan, India, Australia e altre nazioni.

Il Dipartimento della Difesa americano ha dichiarato che sta cercando di prevenire una guerra nella regione dell'Indo-Pacifico, ma vuole essere pronto se dovesse scoppiare un clonfitto.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che l’aumento del bilancio della difesa statunitense quest’anno è stato “guidato dalla serietà della nostra competizione strategica con la Repubblica popolare cinese. Ora, sembra che la Cina stia spendendo più di quanto inizialmente creduto; la posta in gioco è stata alzata.

McConnell, in una dichiarazione del 19 settembre, ha riconosciuto la grande importanza di intensificare i preparativi degli Stati Uniti per una possibile guerra con la Cina.

Ha chiesto maggiori spese militari, affermando che colmare il divario con la Cina – e superare il nostro più grande avversario strategico – richiederà qualcosa di più del semplice teatro dell’innovazione o dei discorsi sulle rivoluzioni negli affari militari. Il progresso richiederà investimenti reali nelle capacità di attacco a lungo raggio. Reale espansione della nostra capacità produttiva nel settore della difesa. Una reale cooperazione nel campo della tecnologia di difesa con i nostri più stretti alleati che condividono sempre più le nostre preoccupazioni riguardo alla PLA”.

19 visualizzazioni0 commenti

ความคิดเห็น


bottom of page