In Cina la crisi economica si aggrava. Messo a tacere anche un importante analista di mercato

Gli investitori stranieri stanno abbandonando la Cina su una scala senza precedenti. Un cocktail di rischi politici, aziendali e l'aumento dei tassi di interesse altrove, rendono la seconda economia più grande del mondo un luogo meno attraente per mantenere i scapitali. La guerra della Russia è l'ultimo fattore scatenante. Secondo Refinitiv Eikon, il mercato azionario cinese è quest'anno al secondo peggior rendimento al mondo, solo dietro la Russia.


di Nicola Iuvinale


I social media cinesi hanno chiuso i conti di un importante analista di mercato che nelle ultime settimane ha richiamato l'attenzione sul drammatico rallentamento dell'economia del Paese e sugli effetti della politica del governo sull'industria tecnologica.

Durante il fine settimana, WeChat di Tencent (TCEHY) ha sospeso l'account pubblico di Hong Hao, amministratore delegato e capo della ricerca presso BOCOM International, il gruppo di banche di investimento di Bank of Communications, statale e la quinta più grande della Cina.

La mossa è arrivata dopo che ha pubblicato sui social media dati di enormi deflussi di capitali dal paese e fatto previsioni ribassiste sul mercato azionario cinese.

"Tutti i contenuti sono stati bloccati. All'utente è vietato utilizzare l'account", si legge in un avviso pubblicato sull'account WeChat. Ha aggiunto che l'account aveva "violato" le regole Internet del governo, senza entrare nei dettagli.

Anche l'account di Hong su Weibo (WB), che aveva più di 3 milioni di follower, è stato rimosso.

I blocchi di Covid hanno messo a dura prova la seconda economia più grande del mondo.

Gli ultimi dati dell'indagine governativa, pubblicati sabato scorso, mostrano che l'attività nel settore manifatturiero e dei servizi è crollata al livello più basso da febbraio 2020.

La politica zero-Covid di Pechino, unita alla repressione delle Big Tech, al crollo del settore immobiliare e ai rischi legati alla guerra della Russia in Ucraina, ha innescato, negli ultimi mesi, una fuga di capitali senza precedenti da parte degli investitori stranieri.

Lo yuan è recentemente precipitato al livello più basso degli ultimi 17 mesi.

Nei giorni scorsi, i leader cinesi hanno ripetutamente espresso rassicurazioni sugli interventi nell'economia. Martedì il presidente Xi Jinping ha chiesto una spesa folle per le infrastrutture per promuovere la crescita. E venerdì il Politburo del Partito Comunista ha promesso "misure specifiche" per sostenere l'economia di Internet.

Hong Hao non è il solo ad esprimere una crescente preoccupazione per la salute dell'economia e dei mercati cinesi.

Shan Weijian, fondatore e presidente della società di private equity PAG con sede a Hong Kong, ha recentemente criticato il governo, per le politiche che hanno provocato una "profonda crisi economica", tramite un articolo sul Financial Times.

Le autorità di regolamentazione cinesi hanno intensificato il controllo sui social media, in mezzo al crescente malcontento pubblico per i blocchi Covid nel paese.

In una mossa per ridurre l'anonimato online delle persone, Weibo ha comunicato agli utenti che avrebbe iniziato a pubblicare le posizioni IP sulle pagine dei loro account.

I giganti della tecnologia cinese hanno represso le persone che fanno commenti negativi sull'economia dall'anno scorso. A ottobre, Tencent ha sospeso più di 1.400 account WeChat dopo che il governo ha lanciato un giro di vite sui post su Internet che ritiene dannosi per l'economia.

Tencent ha affermato che gli utenti avevano "distorto" l'interpretazione delle politiche economiche o diffuso voci non vere. Tra questi c'era anche un account pubblico gestito da Chen Guo, capo stratega della Essence Securities con sede a Shenzhen.

Probabile fattore scatenante per il divieto dei social media?

Gli ultimi rapporti pubblicati sull'account pubblico WeChat di Hong Hao erano intitolati: "Fai attenzione alla fuga di capitali" e "Di cosa dovrebbero preoccuparsi gli ADR cinesi". Gli ADR sono titoli emessi da società cinesi quotate negli Stati Uniti.

Hong ha messo in guardia, in quei rapporti, sugli investitori stranieri che hanno scaricato le azioni cinesi e ha richiamato l'attenzione sul più grave deflusso di capitali dall'inizio della pandemia. Ha anche accusato la repressione tecnologica della Cina, piuttosto che le nuove regole statunitensi sulle quotazioni di società straniere, quale causa scatenante di un'epica vendita di ADR cinesi a marzo.

In un'altra nota del 21 marzo, Hong haveva anche previsto che lo Shanghai Composite sarebbe sceso sotto i 3.000 punti.

Lunedì scorso, lo Shanghai Composite è sceso sotto i 3.000 per la prima volta in 21 mesi, perchè l'aumento dei casi di Covid-19 a Pechino ha suscitato timori che la capitale cinese avrebbe potuto finire in lockdown, come Shangai

Secondo Refinitiv Eikon, il mercato azionario cinese, è quest'anno, finora, al secondo peggior rendimento al mondo, solo dietro la Russia.

Gli investitori stranieri, quindi, stanno abbandonando la Cina su una scala senza precedenti perché un cocktail di rischi politici, aziendali e l'aumento dei tassi di interesse altrove, rendono la seconda economia più grande del mondo un luogo meno attraente per mantenere i propri soldi.

Secondo i dati più recenti dell'Institute of International Finance (IIF), la Cina ha assistito, il mese scorso, a deflussi di portafoglio per 17,5 miliardi di dollari, il massimo storico.

L'associazione con sede negli Stati Uniti, ha definito questa fuga di capitali da parte di investitori esteri "senza precedenti", soprattutto perché non ci sono stati deflussi simili da altri mercati emergenti durante questo periodo.

I deflussi includevano $ 11,2 miliardi di obbligazioni, mentre il resto erano azioni.

I dati del governo cinese hanno anche mostrato un calo record del mercato obbligazionario da parte degli investitori stranieri negli ultimi mesi. Secondo China Central Depository and Clearing, gli investitori esteri hanno scaricato 35 miliardi di yuan netti (5,5 miliardi di dollari) di titoli di stato cinesi a febbraio, la più grande riduzione mensile mai registrata.

Il sell-off è accelerato a marzo, raggiungendo un nuovo massimo di 52 miliardi di yuan (8,1 miliardi di dollari).

"Il sostegno della Cina all'invasione russa dell'Ucraina è stato chiaramente il catalizzatore della fuga di capitali dalla Cina", ha affermato George Magnus, associato al China Center dell'Università di Oxford ed ex capo economista di UBS.


Rischi geopolitici

Cina e Russia hanno proclamato a febbraio che la loro amicizia "non ha limiti". Era prima che la Russia invadesse l'Ucraina. Ora, con l'economia russa colpita da sanzioni da tutto il mondo, Pechino non si è affrettata ad aiutare il suo vicino settentrionale, temendo che anche lei possa essere coinvolta nelle sanzioni. Ma ha anche rifiutato di condannare l'attacco della Russia all'Ucraina, cercando di presentarsi come un attore neutrale e incolpando della situazione gli Stati Uniti.

La guerra in Ucraina ha anche accresciuto le preoccupazioni per il rischio che la Cina possa aumentare la sua forza militare contro Taiwan, innescando una massiccia fuga di capitali dall'isola asiatica.

Ma la tensione geopolitica non è l'unica ragione dietro l'esodo. Anche l'aumento dei tassi negli Stati Uniti e i severi blocchi legati al Covid in Cina, hanno avuto un ruolo nello spaventare gli investitori.

La Federal Reserve statunitense sta aumentando i tassi di interesse per la prima volta dal 2018 per domare l'inflazione, mentre la People's Bank of China è entrata in un ciclo di allentamento per sostenere la sua economia vacillante.

Ciò significa che la Cina sembra meno attraente per gli investitori rispetto agli Stati Uniti. All'inizio di questo mese, per la prima volta in 12 anni, i rendimenti del titolo di Stato cinese a 10 anni sono scesi al di sotto dei rendimenti del Tesoro statunitense. E lo yuan ha toccato il minimo di sei mesi, rispetto al dollaro USA.

Inoltre, l' incrollabile impegno di Pechino per la sua politica zero Covid, ha provocato un enorme tributo economico ed ha aumentato le incertezze sulla crescita futura.

L'economia cinese ha rallentato bruscamente a marzo - i consumi sono crollati per la prima volta in più di un anno, mentre la disoccupazione in 31 grandi città è salita a un livello record - poiché l'escalation dei blocchi Covid a Shanghai e in altre grandi città ha gravemente colpito la crescita e le catene di approvvigionamento.

Alcuni economisti stanno persino parlando della possibilità di una recessione in questo trimestre, poiché Pechino sembra determinata a mantenere la sua politica zero Covid, nonostante il prezzo elevato da pagare.

Un certo numero di banche d'investimento hanno tagliato le loro previsioni di crescita della Cina per l'intero anno.

Martedì scorso il Fondo monetario internazionale ha tagliato le sue previsioni di crescita per la Cina al 4,4%, in calo dal 4,8%, citando i rischi della rigida politica zero Covid di Pechino. Questo è ben al di sotto della previsione ufficiale cinese di circa il 5,5%.

Confusione sul futuro

Con queste preoccupazioni crescenti, alcuni gestori di fondi e analisti hanno iniziato a chiedersi se avessero potuto continuare ad investire in Cina.

"La Cina sta assistendo a profondi deflussi di capitali esteri mentre aumentano i dubbi sulla sua investibilità di base", ha affermato Brock Silvers, amministratore delegato di Kaiyuan Capital, una società di investimento di private equity con sede a Shanghai.

La pandemia non è l'unico motivo alla base del rallentamento della Cina.

Gran parte dell'attuale sofferenza economica del paese può essere fatta risalire alla vasta repressione normativa sul settore privato, scatenata dal presidente Xi Jinping nel 2020. Si teme che il governo continuerà a reprimere settori che vanno dall'istruzione alla tecnologia.

"Gli investitori globali non vogliono giocare a indovinelli normativi o preoccuparsi che le notizie di domani possano esaurire un'altra società o modello di business altrimenti attraente".

La velocità e la ferocia con cui le autorità hanno agito contro le imprese private hanno spaventato anche i più vicini osservatori cinesi.

Una serie di regole entrate in vigore lo scorso luglio hanno sostanzialmente chiuso l'industria del tutoraggio privato da 120 miliardi di dollari, mettendo fuori mercato decine di migliaia di aziende.

Un'altra decisione delle autorità di regolamentazione di vietare Didi, la più grande app di ride-hailing del paese, pochi giorni dopo la sua IPO negli Stati Uniti, ha sbalordito gli investitori internazionali.

La repressione ha provocato una forte svendita delle azioni cinesi in tutto il mondo.

L'indice Nasdaq Golden Dragon, un popolare indice che replica più di 90 società cinesi quotate negli Stati Uniti, ha perso il 31% nel terzo trimestre del 2021, il peggior trimestre mai registrato. Ha poi perso un altro 14% nell'ultimo trimestre dello scorso anno. In confronto, l'S&P 500 è aumentato rispettivamente dello 0,2% e dell'11% nel terzo e quarto trimestre dello scorso anno. Anche il Nasdaq Composite è salito dell'8% nell'ultimo trimestre del 2021.

Parte del denaro in uscita dalla Cina potrebbe essere andato in attività in dollari USA, mentre c'è anche "un notevole passaggio dalla Cina all'India".


Appetito in calo

La repressione del settore privato ha avuto un impatto anche sui fondi di private equity che si concentrano sulla Cina.

Secondo Preqin, una società di dati sugli investimenti con sede a Londra, i fondi che raccolgono dollari USA per investire in Cina, hanno attratto solo 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2022, in calo del 70% rispetto al trimestre precedente.

Un'indagine separata di Bain & Company ha mostrato che i fondi di private equity incentrati sulla Grande Cina hanno attratto $ 28 miliardi di nuovi finanziamenti per la seconda metà dello scorso anno, in calo del 54% rispetto alla prima metà, poiché gli investitori globali sono sempre più preoccupati per l'incertezza politica ed economica del mercato cinese.

Tuttavia, mentre i fondi obbligazionari e azionari potrebbero ridurre la loro esposizione alla Cina, ci sono dati che le società globali continuano a investire nelle imprese cinesi.

Secondo i dati del Ministero del Commercio cinese, gli afflussi di investimenti diretti esteri in Cina hanno raggiunto il record di 173 miliardi di dollari nel 2021, in aumento del 20% rispetto all'anno precedente.

Secondo un'indagine annuale condotta dalla Camera di commercio dell'Unione europea in Cina lo scorso anno, solo il 9% delle quasi 600 aziende europee operanti in Cina prevedeva di spostare qualsiasi investimento attuale o pianificato fuori dalla Cina, la quota più bassa mai registrata.

Tuttavia, ci sono segnali che alcuni di loro sono diventati ansiosi per la politica zero Covid della Cina.

All'inizio di questa settimana, il ministro del Commercio cinese Wang Wentao ha incontrato alcune camere degli esteri per discutere dell'impatto della politica zero Covid del Paese.

Jens Hildebrandt, direttore esecutivo della Camera di commercio tedesca nella Cina settentrionale, ha dichiarato che i partecipanti hanno sollevato alcune questioni urgenti che le aziende associate devono affrontare, in relazione alla strategia di contenimento del Covid, in particolare a Shanghai.

Un blocco in corso a Shanghai, un importante centro commerciale e produttivo, ha costretto la maggior parte delle aziende a chiudere per settimane, minacciando di interrompere le principali catene di approvvigionamento di automobili ed elettronica. Ha anche aggravato i ritardi nei porti e costretto alla sospensione di molti voli passeggeri, facendo salire vertiginosamente le tariffe dei noli aerei e mettendo ancora più pressione sulle catene di approvvigionamento globali.

"L'attuale politica con blocchi che portano a fermi della produzione, interruzioni logistiche e della catena di approvvigionamento e restrizioni alla circolazione delle persone non solo rappresentano una preoccupazione a breve termine, ma lasceranno i loro segni a lungo termine".

Dato che le società straniere stanno soffrendo economicamente, gli imprenditori stanno cercando segnali chiari su come il governo cinese allieverà il carico, attraverso programmi di aiuto.

Fonte CNN

194 visualizzazioni0 commenti