L'alleanza USA/UE: divisi cadiamo

È tempo di segnalare al mondo che l'Europa e gli Stati Uniti sono allineati, sulla stessa strada. Ma, quando si tratta di un'altra sfida esistenziale, affrontare il capitalismo autoritario cinese e l'attrazione gravitazionale che esercita in tutto il mondo, non siamo all'altezza.


di Nicola Iuvinale


La forte alleanza tra Stati Uniti ed Europa nell'opporsi all'aggressione russa ha dimostrato perché il mondo ha bisogno dell'unità transatlantica per preservare la pace.

Ma quando si tratta di un'altra sfida esistenziale, affrontare il capitalismo autoritario cinese e l'attrazione gravitazionale che esercita in tutto il mondo, non siamo all'altezza.

Invece, Europa e America stanno litigando, con elementi molto irritanti che vanno dal commercio digitale alla politica industriale che minacciano più di settantacinque anni di leadership condivisa nel commercio globale.

Perché importa?

Perché rispondere all'aggressione insita nel modello economico cinese guidato dallo stato è vitale quanto resistere alle sfide militari.

La minaccia potrebbe essere meno drammatica, ma nel tempo è insidiosa e rischiamo di perdere le basi stesse delle nostre società libere. Il successo della Cina nel dispiegare un vasto potere statale per conquistare i mercati mondiali e la leadership tecnologica, insieme alla sua crescente potenza militare, è una sfida alla sicurezza esistenziale.

L'ascesa della Cina ha anche eroso il sostegno al commercio aperto, già vacillante, sia in Europa che negli Stati Uniti, soprattutto se associato alle interruzioni del Covid-19, ai vincoli della catena di approvvigionamento e ora alla guerra della Russia.

Di conseguenza, il nostro focus politico si è spostato verso l'interno, con reshoring e regionalizzazione le parole d'ordine.

Eppure ritirarsi dai mercati mondiali e riporre le nostre speranze nell'autosufficienza sarebbe un tragico errore.

Il commercio mondiale è ancora in crescita; i settori strategici sono globalizzati. Ignorare questa realtà e non allineare gli interessi statunitensi ed europei è una scommessa pericolosa.

Ognuno di noi ha bisogno di costruire forza economica in patria e mantenere un vantaggio nell'innovazione, ma non a scapito del disimpegno dalla battaglia per mantenere i nostri guadagni globali congiunti.

In quella battaglia, il potere delle alleanze strategiche è decisivo. Viviamo in una nuova realtà di "globalizzazione fratturata", in cui le politiche commerciali sono ancora importanti ma si esplicano in sfere di influenza riallineate con modelli alterati di commercio e investimento.

Il multilateralismo esisterà ancora, ma sarà modellato più da blocchi in competizione che da esercizi puramente multilaterali. In questo contesto, le alleanze regionali e à la carte regnano sovrane.

Sia l'Europa che gli Stati Uniti hanno bisogno di alleanze diverse in tutto il mondo. Ma per ragioni storiche e commerciali, il legame transatlantico deve essere la nostra pietra angolare indispensabile, singolarmente in grado di svolgere il ruolo di portabandiera della democrazia di mercato in un mondo in riallineamento.

Come ha affermato a Washington il mese scorso il commissario per il commercio dell'UE Valdis Dombrovskis, è "fondamentale che l'UE e gli Stati Uniti rimangano sulla stessa pagina mentre affrontiamo sfide globali sovrapposte".

Né l'Europa né gli Stati Uniti dovrebbero utilizzare il livello di democratizzazione di un paese come unica cartina di tornasole per una relazione commerciale.

L'eccessiva dipendenza dell'Europa dalla Russia per l'energia è stata una lezione difficile per tutti noi.

Allo stesso tempo, quando gli Stati Uniti e l'Europa perdono di vista l'importanza della nostra alleanza, anche in ambito economico, i regimi autoritari si rallegrano.

Li abbiamo incoraggiati.

Alcuni problemi bilaterali di vecchia data sono stati nascosti sotto il tappeto, ma i recenti passi per unire le forze non sono riusciti a raggiungere un vero allineamento strategico. Peggio ancora, entrambe le parti stanno adottando politiche che ci trascinano ulteriormente nel conflitto commerciale.

Uno sguardo alla spinta dell'UE per la "sovranità digitale" o le restrizioni sulle importazioni agricole, per non parlare della politica statunitense sui chip o del suo schema per localizzare la produzione di veicoli elettrici, ci fa chiedere se entrambe le parti comprendano l'importanza esistenziale di questo momento storico.

Questa dinamica mina la nostra competitività, vanificando le speranze per un'agenda di sicurezza economica condivisa. Invece, dovremmo implementare meccanismi come il G7 e il Consiglio per il commercio e la tecnologia (TTC) USA/UE per invertire questa narrativa.

Per avere successo, dobbiamo cogliere i pericoli della lotta per stabilire le normative sui dati mentre Roma brucia.

Scegliere in modo proattivo di non colpire gli interessi economici reciproci richiede un senso di urgenza e slancio politico dall'alto.

La nostra agenda deve essere più ampia e più audace, eliminando le discriminazioni e abbracciando l'unità transatlantica, cercando nel contempo di rendere le catene di approvvigionamento più resilienti e affrontando le pressioni economiche interne. Solo insieme possiamo affrontare le odierne minacce geopolitiche e solo insieme (insieme ad alleati come Giappone, Corea e altri) possiamo elaborare future regole commerciali multilaterali.

Colmando le lacune nelle nostre rispettive visioni del futuro ordine geoeconomico, e senza pregiudicare le società l'una dell'altra, possiamo navigare in questa era di grande competizione di potere 2.0.

È tempo di segnalare al mondo che l'Europa e gli Stati Uniti sono sempre più allineati.


Fonte: The National Interest

Amb. Rufus Yerxa, former WTO Deputy Director General and Senior Advisor at McLarty Associates, advises clients on global trade matters.


Kellie Meiman Hock is a Managing Partner at McLarty Associates and the former Director for Brazil and the Southern Cone in the Office of the United States Trade Representative.

35 visualizzazioni0 commenti