top of page

La Cina cerca di costruire una base militare in Africa occidentale e non solo

Di Gabriele e Nicola Iuvinale


La Cina comunista cerca di proiettare la potenza navale su scala globale e probabilmente presto investirà in nuove basi all'estero per sostenere meglio una presenza militare mondiale, secondo gli esperti.

La costruzione di nuove basi più lontane nel Pacifico o sulla costa atlantica dell'Africa darebbe alla Cina una capacità operativa notevolmente migliorata, secondo Brent Sadler, ricercatore senior presso il think tank conservatore The Heritage Foundation.

"Il loro modello è diverso ma, in molti modi, alla fine, avranno basi che assomigliano agli Stati Uniti", ha detto Sadler durante un discorso del 15 agosto alla Heritage Foundation.

Sadler ha aggiunto che il regime cinese sta costruendo gruppi di supporto alle portaerei che opereranno in gran parte in modo simile a quello degli Stati Uniti. Sostenerli all'estero, ha affermato, richiederebbe più basi all'estero oltre alla prima del regime, che è stata costruita a Gibuti nel 2017.

Costruendo una nuova base sulla costa occidentale dell'Africa, forse nella Guinea Equatoriale, Sadler ha affermato che il regime potrebbe estendere ulteriormente la sua capacità di fornire munizioni e carburante ai gruppi d'attacco, nonché operare nell'Atlantico a tempo indeterminato.

"Sarebbe la nuova entrata per la Cina", ha detto Sadler.

"Essere così lontano consentirebbe loro di sostenere operazioni navali, operazioni militari, nell'Atlantico".

A tal fine, il Sadler ha affermato che la storia di segretezza del regime sui progetti militari potrebbe significare che una tale base, o almeno i negoziati per la propria collocazione, erano ben avviati.

"I cinesi hanno negato qualsiasi intenzione di sviluppare portaerei fino a quando non ne avessero una", ha detto Sadler. “È più di un decennio che lo dico fino a quando non è diventato quasi impossibile ignorarlo.

"Ciò che gli Stati Uniti devono fare è riformulare il modo in cui esercitano la politica e integrare la [loro] presenza navale con lo sviluppo economico e anche una diplomazia più energica".

La Cina richiede nuove basi per sostenere la presenza globale


I flussi di denaro e altre risorse dalla Cina alle nazioni dell'Africa occidentale potrebbero inoltre indicare che tale espansione è ben avviata, secondo Alexander Wooley, direttore delle partnership e delle comunicazioni presso AidData, un think tank che analizza gli aiuti governativi ai progetti di sviluppo.

"Avranno una base da qualche parte in quella regione", ha detto il signor Wooley. "Quale [paese] potrebbe essere, non lo dicono a nessuno."

In effetti, sotto la direzione di Wooley, AidData ha recentemente concluso un nuovo rapporto che analizza gli investimenti della Cina nei porti d'oltremare e le sue relazioni con le élite locali in tutto il mondo per un periodo di 20 anni.

Quel rapporto rileva che Bata, nella Guinea Equatoriale, è tra i principali contendenti per una nuova base militare cinese. La Cina ha già speso più di 659 milioni di dollari per migliorare il porto lì, secondo il rapporto. Inoltre, l'anno scorso un alto generale degli Stati Uniti ha affermato che Bata sembrava essere il luogo in cui il regime aveva ottenuto la massima trazione nei suoi sforzi di espansione.


Sviluppo navale cinese che supera gli Stati Uniti

Tuttavia, il regime deve affrontare difficoltà. Il Partito Comunista Cinese (PCC), che governa la Cina come stato a partito unico, non ha la miriade di alleati formali degli Stati Uniti. Ciò significa che non può semplicemente contare sull'accoglienza della sua presenza militare in qualsiasi parte del mondo fino a quando non potrà effettivamente costruire le proprie basi.

"Non appartengono a una tipica alleanza di difesa come la NATO o la relativamente nuova AUKUS, quindi non hanno relazioni con paesi in cui esiste una certa parità di condizioni in termini di relazione in cui potrebbero basare la loro nave come la flotta statunitense a Napoli per esempio”, ha detto Wooley.

“Se vogliono schierare navi più lontano, non hanno quei rapporti con un alleato, con una base navale ospitante. Non hanno tante navi di rifornimento quante potrebbero avere le altre marine moderne, quindi ha senso cercare un posto dove avere una base navale”.

A tal fine, Wooley ha affermato che il regime probabilmente continuerà ad espandere la sua flotta navale nel prossimo decennio. Quella superiorità numerica, nel frattempo, genererebbe ulteriormente la domanda di nuove opportunità di basi all'estero.

"Penso che sia inevitabile che la crescita della marina cinese continui nel prossimo decennio", ha affermato Wooley.

"Ti piacerebbe avere una base, immagineresti, quindi è un po' difficile immaginare che non ci sarà una base navale all'estero oltre a Gibuti".

Si prevede che le forze navali cinesi cresceranno fino a superare le 400 navi entro i prossimi due anni, espandendo le forze marittime del regime in modo significativo oltre quelle della Marina degli Stati Uniti di meno di 290 navi. Quel numero sale a più di 600 navi se si contano le forze della guardia costiera cinese e della milizia marittima.

Inoltre, mentre le quasi 300 navi da guerra degli Stati Uniti sono tecnologicamente più avanzate della maggior parte della flotta cinese, solo circa un terzo di quella forza potrebbe essere immediatamente disponibile in un dato giorno e quel terzo è ulteriormente sparso in tutto il mondo. In tutto, circa 60 navi da guerra statunitensi sono dispiegate nella regione indo-pacifica e pronte ad affrontare l'aggressione cinese in un dato giorno.

La maggior parte della flotta cinese, nel frattempo, è attualmente stazionata entro 300 miglia dal Paese. Ciò significa che se dovesse scoppiare una guerra nell'Indo-Pacifico, gli Stati Uniti inizierebbero con uno svantaggio considerevole.

Tutti i diritti riservati.


8 visualizzazioni0 commenti
bottom of page