top of page

La Cina come prestatore internazionale di ultima istanza

Il ruolo della Cina come gestore delle crisi internazionali è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni dopo il lungo boom dei prestiti all'estero. Tuttavia, è ben lungi dal rivaleggiare con quello degli Stati Uniti o del FMI, che sono al centro dell'odierno sistema finanziario e monetario internazionale


di Nicola e Gabriele Iuvinale


A seguito del boom più che decennale di prestiti e investimenti all'estero, la Belt and Road Initiative di Pechino (BRI) è stata messa sotto pressione negli ultimi anni, poiché molti paesi beneficiari (debitori), soprattutto i paesi in via di sviluppo hanno avuto difficoltà finanziarie.

E’ noto che i creditori statali cinesi hanno risposto a questa crisi riducendo i nuovi flussi di prestiti al Sud del mondo e, al contempo, negoziando decine di ristrutturazioni del debito sovrano.

Ciò che è meno noto è il crescente numero dei salvataggi cinesi ai paesi in difficoltà negli ultimi 15 anni.

Una ricerca condotta da AidData (un laboratorio di ricerca sullo sviluppo internazionale con sede presso il William & Mary’s Global Research Institute) mostra che il governo di Pechino ha creato un nuovo sistema di prestito per il salvataggio transnazionale, assumendo anche il ruolo di prestatore internazionale di ultima istanza.

In particolare, il sistema emergente cinese si poggia su due pilastri principali; in primo luogo, il sostegno alla bilancia dei pagamenti tramite la rete di scambio della People's Bank of China (PBOC) e, in secondo luogo, il sostegno alla liquidità tramite prestiti e depositi da banche statali cinesi e imprese commerciali.

Per quanto riguarda le linee di swap all'estero della Cina, è risaputo che la PBOC ha costruito, dal 2008, un mercato globale con una rete di circa 40 banche centrali estere.

Ufficialmente, lo scopo principale delle linee di scambio è promuovere l'uso del Renminbi (RMB) a fini commerciali e di regolamento degli investimenti.

Tuttavia, si è evidenziato che le linee di swap sono per lo più tracciate in situazioni finanziarie e macroeconomiche di difficoltà da parte di paesi con coefficienti di riserva bassi e rating di credito deboli. Su 17 paesi che

finora hanno effettuato operazioni lungo le linee di scambio della PBOC, solo quattro lo hanno fatto in tempi normali. Ciò è coerente con le indagini dei banchieri centrali che dimostrano che i paesi accumulano riserve per evitare crisi di rollover e default.

È chiaro che i prelievi dalle linee di swap della PBOC rafforzano le riserve lorde statali, ma c'è una mancanza di chiarezza su come i fondi sono effettivamente utilizzati, specialmente se vengono utilizzati per pagare direttamente i debiti esteri verso la Cina.

Pertanto, una delle osservazioni principali è che la rete di linee di scambio cinese è diventata uno strumento importante per l'estero nella gestione della crisi. In totale, è stato documentato che 170 miliardi di dollari sono stati estesi dalla PBOC a banche centrali di paesi in difficoltà finanziarie o macroeconomiche.

Questo ingente importo comporta anche un elevato numero di rollover, poiché i prestiti swap a breve termine della PBOC vengono spesso estesi ripetutamente, risultando de facto in scadenza di oltre tre anni, in media.

Per integrare i nuovi dati sugli estratti conto swap, è stato monitorato anche il supporto della bilancia dei pagamenti (prestiti ponte) da banche statali cinesi, banche commerciali statali e imprese statali alle banche centrali e ai governi dell'area delle economie emergenti e in via di sviluppo (EMDE). Sono stati tracciati più di 70 prestiti di salvataggio a 13 diversi EMDE per un valore di 70 miliardi di dollari. Questi prestiti sono per lo più denominati in USD e spesso consentono esplicitamente ai mutuatari di utilizzare i fondi per rimborsare i debiti esistenti, compresi quelli dovuti alle istituzioni cinesi.

Sono state tracciate anche le strutture di pagamento anticipato delle materie prime attraverso le quali le compagnie petrolifere e del gas statali cinesi (come CNPC e UNIPEC) forniscono grandi anticipi di cassa per le importazioni di materie prime.

In totale, più di 20 paesi debitori hanno ricevuto 240 miliardi di dollari in prestiti di salvataggio cinesi dal 2000.

Anche la portata del programma di prestiti di salvataggio globale della Cina sta crescendo rapidamente. Più di 185 miliardi di dollari sono stati prorogati solo negli ultimi cinque anni (2016-2021).

La Cina è emersa, quindi, come prestatore di ultima istanza chiave per un numero crescente di paesi in via di sviluppo. Tuttavia, il suo ruolo nel sistema finanziario internazionale è meno centrale e di gran lunga inferiore a quello dei prestatori globali di ultima istanza.

I salvataggi della Cina sono piccoli rispetto al portafoglio di prestiti globali del FMI e sminuito dall'ampio sostegno internazionale alla liquidità in USD da parte della U.S. Federal Reserve (FED) dal 2007, principalmente alle economie avanzate.

Pechino ha preso di mira un gruppo limitato di potenziali destinatari, poiché quasi tutti i prestiti di salvataggio cinesi sono stati destinati ai paesi BRI a basso e medio reddito con debiti significativi nei confronti delle stesse banche cinesi, a tassi di interesse più elevati.

In sintesi, Pechino ha sviluppato un sistema di "salvataggi sulla Belt and Road" che aiuta i paesi debitori ad evitare il default e continuare a onorare i loro debiti BRI, almeno nel breve periodo.

Il ruolo della Cina come gestore della crisi internazionale può quindi essere paragonato a quello degli Stati Uniti durante le precedenti crisi del debito latinoamericano o ad un istituto finanziario regionale come il Meccanismo europeo di stabilità, che ha contribuito ad evitare, ritardare o risolvere le inadempienze di molti mutuatari indebitati, piuttosto che a un sostegno finanziario globale con “deep pockets”.

In conclusione, il ruolo della Cina come gestore delle crisi internazionali è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni dopo il lungo boom dei prestiti all'estero. Tuttavia, è ben lungi dal rivaleggiare con quello degli Stati Uniti o del FMI, che sono al centro dell'odierno sistema finanziario e monetario internazionale.

Ciononostante, possono scorgersi dei parallelismi storici con l'era nella quale gli Stati Uniti iniziarono la loro ascesa come potenza finanziaria globale, soprattutto negli anni '30 e dopo la seconda guerra mondiale, quando utilizzarono la US Ex-Im Bank, lo US Exchange Stabilization Fund e la Fed per fornire salvataggio a paesi con grandi passività verso banche ed esportatori statunitensi. Nel corso del tempo, queste attività ad hoc da parte degli Stati Uniti si sono trasformate in un collaudato sistema di gestione della crisi globale, un percorso che forse potrebbe seguire anche la Cina.


Photo: La Cina di Xi Jinping - Verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico? (Italian)

Gabriele and Nicola Iuvinale


ASE 2023




To download the book index, preface and introduction: https://www.extremarationews.com/reuters-news

13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page