top of page

La Cina ha usato la pandemia per ampliare la propria banca dati genetica della popolazione mondiale

Spy story: il regime di Pechino si è offerto di donare la tecnologia per rilevare le infezioni da coronavirus da piccoli frammenti di DNA. Ma il dono nascondeva un agghiacciante progetto biotecnologico globale. Nell'aprile 2020, nel bel mezzo del blocco di gran parte dell'Europa a causa della pandemia di COVID-19, un aereo è atterrato nella capitale serba, Belgrado, portando con sé un prezioso dono della Repubblica popolare cinese: il Fire-Eye


di Nicola e Gabriele Iuvinale



Nell'aprile 2020, nel bel mezzo dei lockdown di gran parte dell'Europa a causa della pandemia di COVID-19, un aereo è atterrato nella capitale serba, Belgrado, portando con sé un prezioso dono della Repubblica popolare cinese: il Fire-Eye.

Questo dispositivo era una sofisticata creazione cinese che si distingueva per la sua capacità di rilevare le infezioni da coronavirus da piccoli frammenti genetici che l’agente patogeno lasciava nella sua scia. Ciò che è stato ancora più impressionante, tuttavia, è stata la sua versatilità, secondo un articolo scritto da Joby Warrick e Cate Brown per il Washington Post.

Il Fire-Eye non si limitava solo a decifrare il codice genetico dei virus, ma era progettato anche per analizzare il DNA umano.

Secondo i suoi creatori cinesi, potrebbe decodificare le istruzioni genetiche contenute nelle cellule di qualsiasi persona al mondo. Alla fine del 2021, in un nuovo picco della pandemia, il governo serbo ha annunciato l’intenzione di convertire questo laboratorio portatile in una struttura permanente. L'obiettivo: raccogliere e preservare i genomi completi dei cittadini.

L'annuncio è stato accolto con entusiasmo dalla comunità scientifica serba. Il primo ministro Ana Brnabic ha elogiato la Cina per aver fornito al suo Paese “la medicina di precisione e la genetica più avanzate della regione”.

Con una popolazione di circa 7 milioni di abitanti, la Serbia ha posto fine alla pandemia con 18.000 morti. I politici e gli uomini d’affari serbi hanno ripetutamente espresso la loro gratitudine alla Cina con manifesti giganti a Belgrado con la scritta “Grazie, fratello Xi”, in riferimento al leader comunista.

I media americani affermano che i laboratori cinesi Fire-Eye, donati o venduti a diversi paesi stranieri durante la crisi del Covid, hanno iniziato ad attirare l'attenzione delle agenzie di intelligence occidentali a causa delle crescenti preoccupazioni sulle intenzioni del regime di Xi Jinping.

Alcuni analisti vedono questa “generosità cinese” come parte di un tentativo globale di accedere a nuove fonti di dati genetici umani di alto valore in tutto il mondo.

La raccolta di dati genetici risale a più di un decennio fa e ha comportato l'acquisizione di società americane di genetica, nonché sofisticate operazioni di hacking, secondo funzionari dell'intelligence americana e occidentale che hanno parlato in condizione di anonimato al Washington Post .

Ultimamente, questa ricerca ha ricevuto una spinta inaspettata dalla pandemia di coronavirus, che ha creato opportunità per le aziende e le istituzioni cinesi di distribuire macchine per il sequenziamento genetico e stabilire collaborazioni per la ricerca genetica in luoghi a cui il Paese asiatico in precedenza non aveva accesso.
Durante la pandemia, i laboratori Fire-Eye si sono moltiplicati. Hanno raggiunto quattro continenti e più di 20 paesi, dal Canada e dalla Lettonia all'Arabia Saudita, e dall'Etiopia e dal Sud Africa all'Australia.

Molti di questi laboratori, come quello di Belgrado, ora funzionano come centri permanenti di test genetici, spiega il Washington Post.

L'amministrazione del presidente americano Joe Biden ha espresso preoccupazione per il ruolo delle aziende cinesi come BGI Group nella raccolta di dati genetici globali.

BGI è la società dietro i laboratori Fire-Eye e gestisce anche la National Genetic Data Bank cinese, una vasta e crescente riserva di dati genetici di proprietà del regime di Pechino che include informazioni genetiche di milioni di persone in tutto il mondo.

Sebbene la Cina abbia negato qualsiasi uso improprio dei dati genetici raccolti, persistono preoccupazioni riguardo alla privacy e alla sicurezza dei dati genetici detenuti dalle aziende cinesi.

Il portavoce dell'ambasciata cinese negli Stati Uniti, Liu Pengyu , ha negato al Washington Post che Pechino abbia potuto accedere ai dati genetici raccolti dai suoi laboratori.

Liu ha affermato che oltre ad aiutare i paesi beneficiari a combattere la pandemia, i laboratori donati e venduti dalla Cina forniscono assistenza fondamentale nell’individuazione di altre malattie, compreso il cancro.

Nel 2022, il Dipartimento di Stato ha incluso la BGI nell'elenco delle “compagnie militari cinesi” che operano negli Stati Uniti, e nel 2021 l'intelligence nordamericana ha stabilito che è collegata allo sforzo globale del regime cinese di ottenere informazioni sul genoma umano di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti.

Joby Warrick e Cate Brown nel loro articolo sul Washington Post evidenziano la crescente presenza della Cina nella raccolta globale di dati genetici, sollevando interrogativi sulle sue intenzioni e sul suo ruolo nell'economia globale e nella ricerca scientifica.

Nel 2015, il regime comunista ha annunciato il piano “Made in China 2025”, che includeva la biotecnologia come uno degli obiettivi principali degli investimenti pubblici e un pilastro del futuro economico del Paese. Un anno dopo, lanciò un programma da 9 miliardi di dollari volto a trasformare la Cina in un leader mondiale nelle scienze genetiche.

Pechino mira a diventare un leader mondiale nel campo delle biotecnologie entro il 2035 e vede l’informazione genetica come una risorsa cruciale in una rivoluzione scientifica che potrebbe generare migliaia di nuovi farmaci e trattamenti.

“Se la Cina riuscisse a diventare l’unico o il principale fornitore di un nuovo importante farmaco o tecnologia, acquisirà influenza”, ha detto al Washington Post un alto funzionario dell’intelligence americana.

“Se si acquisisce una massa critica di dati – e se si è in grado di analizzarli e sfruttarli – si può cooptare il futuro”, ha aggiunto.

Funzionari ed esperti statunitensi riconoscono l’incertezza sulle intenzioni della Cina. Warrick e Brown ritengono che accumulando grandi quantità di dati sul DNA, “Pechino sta creando una risorsa che potrà utilizzare in futuro, come risorsa economica o forse in altri modi”.


Non dimentichiamone il possibile uso per la creazione di armi biologiche altamente letali. Se ci riflettiamo, anche il covid lo è stato. La ritardata dolosa comunicazione dello scoppio della pandemia da parte di Pechino, in violazione dei trattati internazionali OMS, ha causato milioni di morti in tutto il mondo e la mancata collaborazione per scoprirne le cause cagionerà un ulteriore danno: l'impossibilità di identificarne l'origine.
53 visualizzazioni0 commenti
bottom of page