La politica climatica di Biden è un disastro di proporzioni titaniche

Piuttosto che spendere trilioni di dollari che gli USA non hanno e fare promesse che non possono essere mantenute, il Congresso e l'amministrazione dovrebbero concentrarsi sull'attuazione di politiche che riducano le barriere normative all'innovazione energetica, snelliscano le revisioni delle autorizzazioni e promuovono la politica fiscale a favore della crescita


di Nicola Iuvinale

Jack Spencer e James Jay Carafano, vicepresidenti della Heritage Foundation, ne hanno approfonditamente parlato nel loro articolo sul The National Interest.

Con l'aumento dei costi del carburante, dell'inflazione e degli attraversamenti illegali delle frontiere, gli americani avevano già iniziato a capire l'incapacità di Biden anche prima della debacle in Afghanistan.

Ma le sue attuali politiche energetiche e ambientali potrebbero addirittura finire per far sprofondare la sua popolarità.

Queste politiche sono inevitabilmente imperfette, sia sul fronte estero che interno.

Sulla scena globale, Biden prevede di combattere il problema climatico con azioni congiunte che non avranno mai luogo, così distraendo la nazione e il mondo dalle vere sfide ambientali come l'aria e l'acqua pulita.

Gli autori sostengono, che Biden ha in programma di raggiungere i suoi autodefiniti obiettivi climatici privando gli americani di energia affidabile e conveniente, e imponendo al contempo, su mandato

del governo, una trasformazione del settore energetico.

Quest'ultima dovrà essere realizzata attraverso aumento di tasse, massicce spese pubbliche in deficit di bilancio e normative onerose; un approccio, questo, che certamente non produrrà né una migliore economia, né un ambiente migliore.

"Biden immagina di poter guidare la risposta globale al cambiamento climatico. I cinesi giustamente dissentono, così come la Russia, l'India e numerose altre nazioni in via di sviluppo".

La Cina è già il leader mondiale nell'emissione di gas serra e una vorace consumatrice di energia.

Biden dovrà in qualche modo convincere i cinesi a frenare la loro economia nel perseguimento della sua agenda climatica.

È una presunzione ingenua!

"John Kerry, nella sua posizione non confermata dal Senato come inviato speciale per il clima, è arrivato al punto di suggerire che gli Stati Uniti potrebbero persino ignorare la campagna genocida di Pechino contro gli uiguri per fare un accordo". "La vita", ha detto, "è piena di scelte difficili".

Ma "anche piena di stupidi" affermano gli autori.

"La Cina ha già dimostrato la sua volontà a continuare con l'oppressione uigura, indipendentemente da ciò che pensa il resto del mondo. Pensare che gli USA possano convincere la Cina a farsi del male economicamente, in cambio di chiudere un occhio sulle violazioni sistematiche dei diritti umani, è del tutto capzioso".

Come la maggior parte dei paesi, la Cina parla della responsabilità climatica, qualunque cosa significhi.

La sua politica attuale, tuttavia, è quella di ottenere qualsiasi energia al prezzo più basso che riesce a trovare, e "a tutti i costi" se necessario.

La Cina sta cercando sempre più di alleviare la sua dipendenza dal combustibile importato sfruttando anche le risorse di quello marittimo dei suoi vicini più piccoli.

Eppure, anche con queste rapaci politiche energetiche, la Cina è nel bel mezzo di una crisi energetica. "Questo non è un paese che si preoccuperà di diventare a emissioni zero in tempi brevi".

La situazione non sembra più rosea dall'altra parte del mondo, dove i migliori partner statunitensi hanno anche il problema a tenere "le luci accese di notte".

L'Europa deve affrontare una crisi energetica tutta sua.

La carenza e i prezzi sono a livelli record e, secondo l'Economist Intelligence Unit, "È probabile che aumentino a doppia cifra di anno in anno e continueranno a crescere per tutto l'inverno".

La situazione degli europei, precisano gli autori, è aggravata dal loro principale fornitore di gas: la Russia.

I russi hanno problemi di produzione. Inoltre, stanno facendo politica energetica con gli europei, rifiutando di aumentare le loro consegne di gas naturale fino a quando la Germania non accelererà l'approvazione del gasdotto Nord Stream II.

Gli alleati statunitensi manterranno davvero tutte le loro promesse sull'energia verde se ciò significherà affondare le loro economie?

La spessa intelligente direbbe "no!".

Dopotutto, basta guardare cosa è successo a Roma questo fine settimana al vertice del G20.

Pochi giorni prima di partire per la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, i leader delle più grandi economie del mondo hanno fatto un passo indietro, dalla loro precedente volontà, di opporsi alla costruzione di nuove centrali elettriche a carbone.

Mentre l'amministrazione Biden si sta aggrappando all'aria per garantire la fatua promessa della Cina di ridurre, in futuro, le emissioni è più che disposta a far ingoiare oggi il rospo agli americani.

Nell'ultimo anno e mezzo, il Congresso ha aggiunto quasi 5,5 trilioni di dollari al debito nazionale e l'amministrazione Biden sta spingendo per avere trilioni in più attraverso politiche sociali, lavorative e climatiche radicali.

"Non importa quale sia il prezzo da pagare; la realtà è che queste azioni amplieranno il potere del governo federale sulle vite degli americani per le generazioni a venire e faranno, del federalismo, un relitto".

L'amministrazione Biden si è mossa rapidamente per implementare o proporre centinaia di miliardi di sussidi e agevolazioni fiscali per le tecnologie energetiche verdi.

Ha proposto politiche per riorientare la rete energetica e l'intero settore dei trasporti intorno a obiettivi climatici arbitrari.

Ha sviluppato una serie di regolamenti che prendono di mira quasi ogni aspetto delle industrie del carbone, del petrolio e del gas naturale.

Un altro termine citato dagli autori è "cinismo abietto".

"L'amministrazione sa che tutto questo non avrà quasi alcun impatto sulle temperature globali entro la fine del secolo. Lo zar del clima Kerry lo ha apertamente riconosciuto in diverse occasioni".

Biden sa anche benissimo che i costi energetici più elevati agiscono come una tassa sull'intera economia, quella che fa più male ai poveri.

Tra il 2018 e il 2019, i costi energetici medi sono diminuiti del 5% agli americani e i costi energetici pro capite sono diminuiti in tutti gli stati tranne la California; l'economia della nazione ha battuto ogni record in termini di crescita e occupazione.

I costi dei californiani, invece, sono aumentati, perché lo stato ha perseguito un'agenda climatica sconsiderata che includeva la messa al bando delle auto a benzina e la normazione del fallimento degli impianti nucleari.

Eppure l'amministrazione Biden vorrebbe che il resto del paese seguisse l'esempio della California!.

E sta impiegando trucchi normativi come il "costo sociale del carbonio" per gonfiare i presunti benefici delle sue normative sul clima che uccidono il lavoro.

L'amministrazione sembra intenzionata a “trasformare” – cioè, a rovinare dicono gli autori – il settore energetico e l'economia nazionale attraverso un'agenda climatica radicale.

Un approccio molto più produttivo e realistico sarebbe quello di espandere la libertà economica negli Stati Uniti e all'estero e specialmente tra i paesi in via di sviluppo.

Decenni di dati dell'Indice della libertà economica mostrano chiaramente che questa va di pari passo con la crescita economica, che è essenziale per la tutela dell'ambiente.

In effetti, i decessi legati al clima sono diminuiti del 96% nell'ultimo secolo, grazie alla rapida crescita economica e al maggiore accesso a energia affidabile e conveniente.

Piuttosto che spendere trilioni che gli USA non hanno e fare promesse che non possono essere mantenute, il Congresso e l'amministrazione dovrebbero concentrarsi sull'attuazione di politiche che riducano le barriere normative all'innovazione energetica, snelliscano le revisioni delle autorizzazioni e promuovono la politica fiscale a favore della crescita.

"Invece di sollecitare gli alleati a perseguire politiche che rendano i loro settori energetici più fragili e costosi, gli Stati Uniti dovrebbero sostenere un commercio più libero per ottenere loro l'energia di cui hanno bisogno".

Piuttosto che prendere ingenuamente in parola la Cina, gli USA dovrebbero spingere per la trasparenza, riaffermando il loro impegno per i diritti umani e per la difesa della sovranità delle nazioni amiche contro il "bullismo cinese".

Questo è un approccio fondamentalmente diverso rispetto alla dipendenza dell'amministrazione Biden dalla spesa pubblica stravagante, tasse elevate e regolamentazione massiccia.

Ormai l'armata brancaleone si è messa in cammino e, al di là delle fatue parole e delle prese in giro, bisogna tener presente che, nella vita reale, non esiste il "vogliamoci tutti bene".


37 visualizzazioni0 commenti