top of page

La "pacifica ascesa" della Cina: un playbook sponsorizzato dall'intelligence di Pechino

Aggiornamento: 22 dic 2022

Fabbricata dal PCC, questa narrativa è stata accettata da un Occidente più che felice di credere in ciò che immaginava. Un'operazione di influenza ben riuscita, quindi


Geopolitics

G e N Iuvinale


Per decenni, la Cina ha operato secondo il famoso detto di Deng Xiaoping per "nascondere la tua forza e aspettare il tuo momento". Ora che si è tolta la maschera e gli Stati Uniti hanno tardivamente compreso la minaccia rappresentata da Pechino, qualcuno si pone una domanda:

come hanno fatto così tanti esperti e politici a sbagliare l'analisi sull'ascesa della Cina?
Gettyimages, traffic_analyzer

Come evidenzia anche Alex Joske nel suo libro, Spies and Lies: How China's Greatest Covert Operations Fooled the World , parte della risposta può essere trovata nelle cosidette operazioni di influenza poste in essere da Pechino per mezzo di un apparato di intelligence unico al mondo, sia per vastità che per profondità di penetrazione.

La Cina, infatti, utilizza le spie per modellare le narrazioni ed influenzare i responsabili politici. Pechino impiega un numero vertiginoso di agenzie di intelligence. Il Ministero della Pubblica Sicurezza (MPS) e l'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) hanno componenti di intelligence, ma è il Ministero della Sicurezza dello Stato (MSS) che tende ad attirare maggiormente l'attenzione. La percezione popolare vuole che l'MSS sia "aggressivo" ma poco sofisticato; tuttavia non è così.

L'MSS opera sottotraccia, con calma, individuando e corteggiando politici ed opinionisti.

Il reclutamento diretto e gli approcci espliciti sono spesso evitati. Piuttosto, l'MSS e le sue varie organizzazioni di facciata preferiscono un "tocco leggero". Spesso riescono quindi ad eludere l'attenzione delle autorità di intelligence e del controspionaggio, molte delle quali si occupano principalmente di spionaggio industriale e di tentativi di sottrazione di segreti commerciali.

L'MSS dunque è incredibilmente audace.

Le operazioni di influenza della Cina, documenta Joske, sono "diffuse, mirate e gestite con il coinvolgimento diretto dei leader del Partito".

Il successo più sbalorditivo di Pechino è stato lo sforzo dell'MSS per "convincere stranieri influenti che la Cina si sarebbe sollevata pacificamente e si sarebbe gradualmente liberalizzata".

Nel novembre 2003, un funzionario del PCC di nome Zheng Bijian ha tenuto un importante discorso sulla "pacifica ascesa" della Cina. Era esattamente ciò che molti stranieri volevano sentire ascoltare.

La Cina non cercava un grande confronto di potere; non voleva sfidare l'ordine internazionale liberale guidato dagli Stati Uniti. Piuttosto, aveva solo bisogno di sistemarlo.
Lo stesso Henry Kissinger elogiò la narrativa di Zheng come una "dichiarazione politica quasi ufficiale".
In verità, tutto ciò era uno stratagemma, una trappola, un'operazione di influenza gestita da organizzazioni collegate al MSS.

Secondo Joske "Lo stesso veicolo su cui Zheng ha appeso il suo cappello e che ha permesso la sua promozione della narrativa, [il] China Reform Forum, era semplicemente un gruppo di facciata controllato dall'MSS che lo aveva scelto come sua ultima figura di spicco". In effetti, lo stesso indirizzo che il China Reform Forum ha utilizzato nei documenti di registrazione del Governo "è lo stesso luogo utilizzato una volta da due riviste e due gruppi di facciata controllati dall'MSS Social Investigation Bureau". Dal suo inizio nel 1994, "questo think tank è stato un palcoscenico per operazioni di influenza".

Il playbook fabbricato dal PCC di una "ascesa pacifica" è stato dunque accettato da un'Occidente più che felice di credere in ciò che immaginava. Un'operazione di influenza ben riuscita, quindi.

Naturalmente, molti dei luminari associati a gruppi e individui di facciata collegati al MSS non sapevano di essere stati utilizzati da un servizio di intelligence cinese per diffondere disinformazione. E, come illustra ampiamente Joske, tali operazioni erano pervasive, oltrepassando i confini politici. Naturalmente, tutto ciò ha aiutato la loro efficacia.

Ed ingannando le principali élite occidentali, Pechino è stata in grado di costruire la sua forza ed aspettare il momento giusto. Quel momento, sembra credere l'attuale capo del PCC Xi Jinping, è ormai vicino. Ma non tutto è perduto; ci sono lezioni da imparare.

C'è una carenza di informazioni sulle agenzie e sui metodi di spionaggio cinesi. Educare il pubblico sui metodi e le narrazioni dell'influenza politica del PCC dovrebbe essere una priorità.


138 visualizzazioni0 commenti
bottom of page