top of page

Come la Cina utilizza i vertici per portare avanti la sua vera agenda

Spesso etichettati come “dialoghi strategici” tra la Cina e i suoi principali avversari, questi incontri raramente hanno lo scopo di risolvere questioni specifiche. Più spesso, il PCC li usa come piattaforme per salvare la propria credibilità interna, per promuovere la propria visione globale e per convincere altri leader mondiali ad accettare le narrazioni e i quadri politici di Pechino. Il tanto pubblicizzato incontro tra Xi Jinping e il presidente Joe Biden – a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco – non fa eccezione. A differenza di Mao e Deng Xiaoping, che governavano quando la Cina era meno avanzata economicamente, militarmente e tecnologicamente, Xi si è promosso come leader mondiale, posizionandosi come capo globale di una “comunità dal destino comune per tutta l’umanità”. Tuttavia, per quanto Xi desideri utilizzare il vertice APEC per rafforzare la propria posizione interna, desidera anche demoralizzare i principali alleati dell’America nell’Indo-Pacifico. Xi sa anche che la sua controparte americana ha cercato a lungo l’istituzione di una hotline tra militari per evitare errori di calcolo strategico. Xi sa quanta storia ha dimenticato l’attuale amministrazione statunitense: tutte le linee telefoniche militari del passato con Pechino si sono rivelate inutili. Nella crisi del bombardamento dell’ambasciata di Belgrado del 1999 e nell’incidente del 2001 che coinvolse una collisione tra un aereo EP-3 statunitense e un aereo intercettore cinese, i leader militari di Pechino si rifiutarono semplicemente di rispondere alle telefonate di Washington. Anche se Xi Jinping ha accettato di istituire una hotline a San Francisco, le probabilità che i suoi generali rispondano in tempi di crisi sono molto probabilmente pari a zero. L’elenco delle questioni serie tra Stati Uniti e Cina è lungo e completo, ma tutte le questioni trattate sono già state discusse ripetutamente per anni. Il PCC semplicemente non ha la volontà di impegnarsi seriamente e tanto meno di cambiare. Xi Jinping è andato al vertice non per discutere questioni specifiche, ma per portare avanti la sua visione globale in conformità con le politiche del Partito Comunista Cinese. Xi prima o poi tenterà di prendere Taiwan perché l'isola impedisce la proiezione militare diretta della Cina sul pacifico. Ad oggi, tutte le proiezioni strategiche sulla crisi nello stretto portato a risultati pessimi: guerra totale. Infine, l'inconciliabilità tra l'occidente liberale e la Cina totalitaria non sta tanto nella volontà di Xi di prendere possesso di una parte del mondo con le sue ricchezze (la spartizione del mondo è un fatto già avvenuto a Yalta nella seconda guerra mondiale e potrebbe anche ripetersi per evitare la terza) quanto piuttosto nella pervicace volontà del dittatore di modifare il diritto internazionale per renderlo conforme alla caratteristiche del suo totalitarismo: una comunità dal destino condiviso per l'umanità dove la libertà dell'uomo non è più "ius naturalis" ma concessa dallo stato partito. Su questo tutti siamo chiamati a difendere i nostri principi perché prima o poi ci feremo i conti....


di Nicola e Gabriele Iuvinale


I leader del Partito comunista cinese nutrono da tempo una passione particolare per i vertici. Spesso etichettati come “dialoghi strategici” tra la Cina e i suoi principali avversari, questi incontri raramente hanno lo scopo di risolvere questioni specifiche. Più spesso, il PCC li usa come piattaforme per salvare la propria credibilità interna, per promuovere la propria visione globale e per convincere altri leader mondiali ad accettare le narrazioni e i quadri politici di Pechino.

Il tanto pubblicizzato incontro di questa settimana tra Xi Jinping e il presidente Joe Biden – a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco – non fa eccezione.

Xi non è il primo leader cinese a utilizzare gli incontri internazionali per conferire legittimità al suo regime assediato in patria.

La Rivoluzione Culturale di Mao ha devastato la Cina e ha degradato la sua legittimità a governare agli occhi di molti cinesi. L'epico vertice di Pechino del 1972 del presidente Richard Nixon concesse credibilità al sanguinario Mao e contribuì a ripristinare la legittimità tra i suoi sudditi oppressi.

Il significato politico del leader del mondo libero che si recava in pellegrinaggio per vedere il Grande Presidente cinese era enorme e fu inventato da Mao per aumentare la sua autorità interna.

Simili dialoghi strategici tra i leader cinesi screditati e il presidente degli Stati Uniti all’indomani del massacro di Tiananmen del 1989 hanno aiutato il PCC a riconquistare legittimità politica e credibilità in patria.

Anche Xi Jinping, come molti dei suoi predecessori, si trova ad affrontare una crisi di credibilità sul fronte interno. I suoi rovinosi controlli sul Covid e le sue inadeguate politiche fiscali hanno portato l’economia cinese sull’orlo del tracollo. Il disincanto del popolo cinese nei confronti della dittatura spericolata e spietata di Xi è quasi tangibile.

È quindi facile capire perché Xi cerchi con così tanto entusiasmo un vertice con l’attuale leader del mondo libero – per alleviare la sua paranoia per la crescente rabbia interna rivolta alla sua dittatura. Cerca di inviare al suo popolo in gabbia – aiutato dall’implacabile macchina di propaganda del PCC – il messaggio che il loro leader supremo è rispettato, persino venerato, sulla scena globale.

L'appuntamento di Xi a San Francisco potrebbe anche permettergli di promuovere la propria immagine interna come garante della stabilità globale.

A differenza di Mao e Deng Xiaoping, che governavano quando la Cina era meno avanzata economicamente, militarmente e tecnologicamente, Xi si è promosso come leader mondiale, posizionandosi come capo globale di una “comunità di destino comune per tutta l’umanità”.

Senza dubbio vede un forum internazionale, quello dell'APEC, come un'occasione d'oro per l'autopromozione del PCC. È in questa luce che il portavoce del suo Ministero degli Esteri, Wang Wenbin, ha cercato di elevare l’incontro di questa settimana a livelli di significato colossali, dicendo alla stampa internazionale, venerdì scorso, che il vertice avrebbe avuto “un significato strategico, multidimensionale e di ridefinizione della direzione”.

Tuttavia, per quanto Xi desideri utilizzare il vertice APEC per rafforzare la propria posizione interna, desidera anche demoralizzare i principali alleati dell’America nell’Indo-Pacifico.

Gli alleati degli Stati Uniti, come Filippine, Giappone e Corea del Sud, così come India, Vietnam e Taiwan, sono molestati e intimiditi dall’esercito modernizzato del PCC su base settimanale, a volte quotidiana.

Intrattenendosi a San Franscico con il presidente degli Stati Uniti, l’unica nazione in grado di contrastare seriamente l’aggressione cinese, Xi mira a sminuire gli alleati dell’America e la loro volontà di resistere.

Anche la tempistica del vertice è stata attentamente pianificata per rafforzare la strategia del PCC di “Utilizzare il confronto per promuovere la cooperazione”.

Questa strategia si basa sulla paranoia leninista secondo cui Washington cospira per distruggere la Cina attraverso un duplice approccio di “impegno più contenimento”. I recenti scontri deliberati e provocatori della Cina con gli Stati Uniti – le aggressioni agli aerei statunitensi e alle navi della Marina nel Mar Cinese Meridionale e le campagne di intimidazione militare in corso contro Taiwan, per citarne solo due – sono progettati per indurre Washington nell’ansia di ottenere concessioni strategiche chiave.

Xi sa che la sua controparte americana ha cercato a lungo l’istituzione di una hotline tra militari per evitare errori di calcolo strategico. Infatti, quest’estate, il presidente Biden ha portato il Segretario di Stato Antony Blinken a Pechino per affrontare proprio questo problema. Xi vede questo come un punto di vulnerabilità in attesa di essere sfruttato.

Xi sa quanta storia ha dimenticato l’attuale amministrazione statunitense: tutte le linee telefoniche militari del passato con Pechino si sono rivelate inutili. Nella crisi del bombardamento dell’ambasciata di Belgrado del 1999 e nell’incidente del 2001 che coinvolse una collisione tra un aereo EP-3 statunitense e un aereo intercettore cinese, i leader militari di Pechino si rifiutarono semplicemente di rispondere alle telefonate di Washington. Anche se Xi Jinping accettasse di istituire una hotline a San Francisco, le probabilità che i suoi generali rispondano in tempi di crisi sono molto probabilmente pari a zero. 

L’elenco delle questioni serie trattate tra Stati Uniti e Cina è lungo e completo, ma tutte queste questioni sono già state discusse ripetutamente per anni. Il PCC semplicemente non ha la volontà di impegnarsi seriamente e tanto meno di cambiare. Invece, il Partito utilizza forum di alto profilo come il vertice APEC a San Francisco per rafforzare la propria immagine.

I leader americani sono abituati a coinvolgere la Cina solo a livello transazionale, dove cercano risultati specifici e immediati. Ma i leader del PCC trattano i loro avversari a livello dottrinale e strategico, dimostrando poca attenzione alle azioni concrete.

Xi Jinping è andato al vertice non per discutere questioni specifiche, ma per portare avanti la sua visione globale in conformità con le politiche del Partito Comunista Cinese. Washington dovrebbe vedere l’approccio della Cina per quello che è.

Fonte The Hill

6 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page