top of page

I molti significati geostrategici dell'accordo sino-saudita sul pagamento del greggio in reminbi

Isolare il commercio petrolifero dalle sanzioni finanziarie statunitensi anche in caso di guerra e sconvolgere il mercato globale del greggio. Questi, secondo ChinaFile, i fini perseguiti da Xi Jinping. Solo se Pechino ritiene che il suo commercio strategico sia sufficientemente isolato da qualsiasi programma di sanzioni anti-Cina guidato dagli Stati Uniti, i leader cinesi potranno affrontare con fiducia il potere degli Stati Uniti nel Pacifico


G e N Iuvinale


L'accordo Cina-Arabia Saudita sul renminbi servirà per isolare il commercio petrolifero dalle sanzioni statunitensi, soprattutto in caso di guerra. Così scrive l'esperto Christopher Vassallo in un articolo su ChinaFile. Questo, dunque, il fine principale perseguito dalle parti.


ll commercio bilaterale tra Cina e Arabia Saudita ha registrato un'impennata negli ultimi anni. Dal 2013, Pechino è il più grande mercato di destinazione del petrolio saudita. L'anno scorso ha rappresentato il 21,7% delle esportazioni di greggio. Nonostante un surplus commerciale globale, la Cina registra costantemente un deficit commerciale con l'Arabia Saudita.

"Negli ultimi anni, Pechino si è adoperata per facilitare il regolamento del commercio petrolifero tra Cina e Arabia Saudita in renminbi (RMB) anziché in dollari, una mossa che metterebbe in sicurezza il commercio cinese dalle sanzioni finanziarie e sconvolgerebbe il mercato globale del petrolio", sostiene Vassallo.



Sebbene il renminbi rappresenti solo il 7% del totale dei pagamenti commerciali globali, attualmente è utilizzato nel 23% del commercio di beni della Cina. Secondo la banca centrale cinese, la People's Bank of China (PBOC), questa quota è raddoppiata dal 2017. "Se il commercio di RMB con l'Arabia Saudita è simile alla quota globale di utilizzo del RMB nel commercio di beni cinesi, allora, a un ritmo di quasi 2 milioni di barili di petrolio saudita al giorno, è possibile che circa 100 miliardi di RMB (15 miliardi di dollari) di petrolio saudita vengano già regolati in valuta cinese ogni anno".


Purtroppo questo calcolo è ipotetico, aggiunge l'autore. La PBOC, infatti, non rilascia una statistica sufficientemente precisa per confermare la quota - se esiste - del commercio petrolifero tra Cina e Arabia Saudita regolato in RMB e né la PBOC, né la banca centrale dell'Arabia Saudita, rilasciano la composizione delle proprie riserve di valuta estera. "Se il 23% di tutte le importazioni di beni cinesi è regolato in renminbi, sarebbe sorprendente se le importazioni di energia del Paese, la sua seconda categoria di importazioni complessive, non contribuissero a tale quota".


Indipendentemente dal fatto se il commercio petrolifero sino-saudita regolato in moneta cinese ammonti attualmente a 100 miliardi di RMB, oppure a zero, Pechino è riuscita comunque a costruire con successo l'architettura per facilitare il futuro regolamento con propria moneta.

De-dollarizzare anche solo una parte del commercio petrolifero saudita aiuterebbe la Cina a garantire un flusso energetico affidabile anche in caso di crisi futura se dovessero verificarsi quegli stress che il leader cinese Xi Jinping ha definito "scenari estremi", scrive Vassallo.

I leader cinesi sanno che le loro riserve di dollari, come quelle della Russia, possono essere congelate e le partecipazioni e le transazioni delle imprese cinesi bloccate. Queste decisioni metterebbero a dura prova l'economia cinese, che rispetto a quella russa è più complessa perché fortemente intrecciata con il commercio globale.


In assenza di un affidabile sistema di pagamento delle importazioni, Pechino, dunque, faticherebbe ad accedere ai beni di base utili in tempo di guerra.

"Se nei prossimi anni la Cina riuscirà a sviluppare un'architettura di commercio petrolifero non in dollari con l'Arabia Saudita, Pechino potrebbe essere in grado di resistere alle sanzioni finanziarie dirette alle importazioni di petrolio della Cina".


La Cina è il più grande mercato per l'oro nero dell'Arabia Saudita e la cooperazione tra i due Stati continua a crescere a tutto tondo, con Pechino che si propone come egemone locale.

Quanto più l'integrazione economica tra Cina e Arabia Saudita faciliterà la creazione di una zona di regolamento commerciale in renminbi e non in dollari, tanto più il commercio petrolifero tra i due Paesi potrà essere isolato dalle sanzioni finanziarie statunitensi, anche in un mondo in cui la moneta statunitense rimanesse dominante a livello globale e la determinazione del prezzo del petrolio resterebbe in dollari.


È con questo obiettivo, sostiene Vassallo, che Xi ha chiesto esplicitamente ai leader sauditi di accettare il regolamento in RMB. "La piattaforma dello Shanghai Petroleum and Natural Gas Exchange sarà pienamente utilizzata per il regolamento in renminbi nel commercio di petrolio e gas", ha dichiarato a Riyadh nel dicembre 2022. "Le due parti potrebbero avviare una cooperazione per lo scambio di valuta, approfondire la cooperazione in materia di valuta digitale e far progredire il progetto m-CBDC Bridge", il nome della piattaforma progettata per facilitare il commercio transfrontaliero in valuta digitale cinese.


I leader sauditi hanno poi dichiarato che il Regno prenderà in considerazione la possibilità di accettare il renminbi come valuta di pagamento. Secondo SWIFT, il servizio di messaggistica finanziaria, il RMB è la quinta valuta di pagamento internazionale più utilizzata, la seconda valuta di finanziamento del commercio e la quinta valuta più comune per le transazioni FX a pronti.


La quota di utilizzo del renminbi nella finanza commerciale globale è più che triplicata negli ultimi due anni, raggiungendo il 5,80% di tutti i finanziamenti commerciali e superando l'euro nel settembre 2023.

"Sebbene il suo utilizzo totale a livello globale sia inferiore a quello del dollaro, dell'euro e dello yen, il renminbi è più facile da usare come valuta di regolamento oggi rispetto a cinque anni fa. La Banca Popolare Cinese ha attuato diverse misure volte a facilitare il commercio petrolifero in RMB, tra cui l'apertura di una filiale bancaria a Riyadh per la compensazione del RMB e l'istituzione di una borsa delle materie prime, la Shanghai International Energy Exchange, che funge da mercato a termine per il petrolio, per aiutare gli operatori a coprire l'esposizione al RMB necessaria per le transazioni".


Da quando l'occidente ha sanzionato la Federazione Russa per l'invasione dell'Ucraina, Pechino ha intensificato i rapporti con gli Stati del Golfo.

I Paesi del Golfo forniscono alla Cina oltre 5 milioni di barili di greggio al giorno, la metà delle importazioni di petrolio di Pechino.


"Se in futuro la Cina dovesse pagare tutte queste importazioni in RMB, Pechino ridurrebbe la sua esposizione complessiva in dollari di 173 miliardi di dollari all'anno (al prezzo attuale del dollaro di 90 dollari al barile)".

"Poiché questa cifra equivale oggi al 28% del commercio cinese regolato in RMB, pagare il petrolio del Golfo in moneta cinese segnerebbe un notevole aumento dell'utilizzo del RMB. In altre parole, sebbene 173 miliardi di dollari corrispondano solo al 6% delle importazioni annuali totali di merci della Cina, questa somma aumenterebbe la quota complessiva del commercio cinese regolato in renminbi dal 23% al 29%, ovvero quasi un terzo di tutte le importazioni di merci", precisa Vassallo.


"Pechino e Riyadh vedrebbero la loro crescente cooperazione finanziaria in RMB naturalmente rafforzata anche da effetti commerciali. Poiché Riyadh regola una parte maggiore del suo commercio petrolifero in RMB, il Tesoro saudita raccoglierà RMB che dovrà spendere. Poiché il mercato dei derivati per il RMB è scarso, gli strumenti di gestione del rischio sono minimi e il finanziamento del commercio è limitato, sarebbe rischioso per l'Arabia Saudita detenere RMB a tempo indeterminato. Invece, il RMB accumulato dal commercio del petrolio deve essere speso in beni e servizi cinesi denominati in RMB. I contratti di costruzione cinesi sarebbero una destinazione probabile; le imprese cinesi sono state sollecitate per costruire la nuova città nel deserto del principe ereditario Mohammed bin Salman, NEOM".


Questo canale, aggiunge l'esperto di ChinaFile, che faciliterebbe il riciclo del RMB da parte dell'Arabia Saudita, è già ben sviluppato; le esportazioni cinesi di beni e servizi nel Regno saudita sono più che raddoppiate in valore dal 2018 e la quota cinese delle importazioni saudite è aumentata dal 15 al 22% nello stesso periodo. La necessità di spendere il renminbi accumulato fornirebbe una logica autosufficiente per la partecipazione dell'Arabia Saudita alla Belt and Road Initiative di Xi, che nel 2021 ha indirizzato il 28,5% dei fondi annuali verso il Medio Oriente e il Nord Africa.


Riyadh può anche investire il RMB accumulato in progetti in Cina attraverso percorsi finanziari che le autorità cinesi stanno cercando di semplificare. Le autorità cinesi avrebbero, infatti, approvato la richiesta del fondo sovrano dell'Arabia Saudita, il Public Investment Fund, di ottenere lo status di Qualified Foreign Institutional Investor, che gli permetterebbe di investire direttamente nel mercato azionario cinese utilizzando il RMB.


Nel marzo di quest'anno, la più grande società dell'Arabia Saudita, il gigante petrolifero Aramco, ha acquistato una partecipazione del 10% in un'azienda petrolchimica cinese e sta espandendo la sua impronta di raffineria lungo la costa cinese. L'azienda potrebbe in ultima istanza far fluttuare una parte delle azioni di proprietà sulla borsa di Hong Kong.


Lo sviluppo di questa relazione, conclude Vassallo, aiuterà Pechino a garantire finanziariamente il suo commercio petrolifero nello stesso momento in cui i leader cinesi perseguiranno sforzi paralleli per assicurare le linee di approvvigionamento fisico.


"Mentre il consenso accademico ha concluso abilmente che non è intenzione di Pechino cercare di sostituire il ruolo globale del dollaro, la creazione di una rete di regolamento commerciale in renminbi che possa evitare il dolore delle sanzioni finanziarie statunitensi sulle importazioni strategiche è una priorità".

Solo se Pechino ritiene che il suo commercio strategico sia sufficientemente isolato da qualsiasi programma di sanzioni anti-Cina guidato dagli Stati Uniti, i leader cinesi potranno affrontare con fiducia il potere degli Stati Uniti nel Pacifico.


Questa testi è assolutamente coerente con quanto esposto nel saggio La Cina di Xi Jinping - Verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico?, segnatamente al capitolo 6 dal titolo e-CNY e lo standard globale delle “Central Bank digital currencies”.



Foto pagine saggio La Cina di Xi Jinping
12 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page