top of page

L'Iran punta all'Antartide "per scopi militari e scientifici"

L'interesse del Paese è soprattutto quello di migliorare la sua immagine internazionale come Nazione e di poter dire di avere lì una presenza scientifica al pari di Russia, Cina e India. Non è un segreto che le riserve minerarie ed energetiche dell'Antartide fanno gola a molti Governi



G e N Iuvinale


Quattro mesi dopo il viaggio delle navi da guerra della Marina iraniana lungo le coste del Cile, del Brasile, dell'Uruguay e dell'Argentina, oltre che di molti altri Paesi, il capo della delle Forze Navali ha annunciato l'intenzione di stabilire una base in Antartide "per scopi militari e scientifici".


Foto Anna Moneymaker/Getty Images

"Il riavvicinamento dell'Iran all'America Latina mira a dimostrare che il governo di Teheran non è isolato e che ha alleati nell'emisfero occidentale, il che può essere letto anche come una sfida aperta agli Stati Uniti", ha dichiarato a Diálogo il 28 ottobre scorso Alberto Rojas, direttore dell'Osservatorio degli Affari Internazionali dell'Università cilena Finis Terrae.


"Questo era l'obiettivo del viaggio di giugno del presidente iraniano Ebrahim Raisi nella regione. Tuttavia, Raisi ha visitato solo Nicaragua, Venezuela e Cuba, Paesi non democratici con una politica apertamente anti-statunitense".


A maggio, la missione navale del cacciatorpediniere IRIS Dena e della nave base avanzata IRIS Makran ha compiuto quello che il regime ha descritto come il primo viaggio della Marina intorno al mondo. La forza navale iraniana ha "battuto il suo record" di distanza navigata in acque internazionali, attraversando anche lo Stretto di Magellano, ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA.


Secondo il quotidiano costaricano La Nación, uno degli obiettivi principali del viaggio di Raisi è stato quello di dimostrare al popolo iraniano che, nonostante le affermazioni dell'Occidente e dei gruppi di opposizione iraniani, il loro Paese non è isolato.


Per alcuni esperti, il viaggio che ha cercato di proiettare la potenza navale è stato piuttosto simbolico.

"Per quanto riguarda il viaggio di circumnavigazione dell'IRIS Dena e dell'IRIS Makran, che è passato anche per il Polo Sud, la verità è che ha avuto più che altro un effetto mediatico", ha detto Rojas. "In realtà, le navi della flotta non sono state accolte in tutti i Paesi in cui sono passate".


Firmato nel dicembre 1959, il Trattato Antartico stabilisce che l'Antartide deve essere utilizzato esclusivamente per scopi pacifici. Vieta la creazione di basi e fortificazioni militari, qualsiasi manovra delle forze armate e la sperimentazione di ogni tipo di armamento.


L'Iran, tuttavia, è intenzionato a conquistare il continente bianco. "Il nostro piano per il futuro è di innalzare la fiera bandiera dell'Iran in Antartide", ha dichiarato il capo della Marina iraniana Shahram Irani. Alla domanda se questo significhi stabilire una base permanente, ha risposto: "A Dio piacendo".

"La presenza dell'Iran in Antartide è importante per vari aspetti scientifici, giuridici, politici, geostrategici ed economici", ha dichiarato Abolfazl Saleh, direttore dell'Istituto iraniano di studi sulle scienze marine, al quotidiano spagnolo ABC. "In futuro questa regione sarà una questione importante sulla scena internazionale".


"L'interesse dell'Iran per l'Antartide è quello di migliorare la sua immagine come Paese e di poter dire di avere una presenza scientifica lì, proprio come altri attori come la Russia, la Cina o l'India. Il suo arrivo sul continente bianco è molto tardivo, ma le permetterebbe di avere una presenza navale nelle acque meridionali del Pacifico e dell'Atlantico", ha aggiunto Rojas.


"Diversi Paesi hanno gli occhi puntati sul 2048, quando tecnicamente il trattato attuale potrà essere modificato. Non è un segreto che le riserve minerarie ed energetiche dell'Antartide rappresentino un fattore che suscita l'interesse di molti governi, tra cui l'Iran".


L'Iran sostiene che potrebbe ottenere un accesso diretto all'Antartico e come tale "rivendicare la sovranità" in quell'area.

In ogni caso, l'Iran è ben lontano dall'avere una marina "blue-water", poiché la sua flotta non è né numerosa, né moderna. I suoi principali mezzi navali sono i motoscafi delle Guardie Rivoluzionarie, con i quali molestano le navi da carico nel Golfo Persico", ha aggiunto Rojas. "Tenendo conto della sua difficile situazione economica, frutto delle numerose sanzioni internazionali, la sua influenza economica e militare nella regione latinoamericana è limitata".


10 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page