La "Zero Covid" cinese è diventata la nemesi di Xi


Pechino ha esagerato con il suo sistema di controllo delle malattie basato sulla sorveglianza e ha sottovalutato il virus mutaforma. Il risultato è un pasticcio economico, anche se probabilmente non una crisi politica. "Ma quanto saranno grandi le conseguenze economiche dell'ultimo disperato sforzo di Xi per mantenere Zero Covid? Più grandi di quanto attualmente si aspettano gli investitori occidentali..."."Parla con le persone della comunità imprenditoriale cinese e sentirai frasi come "l'economia è la peggiore che sia mai stata nella mia memoria". Di recente le tendenze su Toutiao (il Twitter cinese per le notizie) sono state domande su come trasferirsi fuori dalla Cina"

di Nicola Iuvinale


Il romanzo di W. Somerset Maugham del 1925 “The Painted Veil”, fotografa una straziante

epidemia di colera in una città della provincia cinese.

“La grande città giaceva nel terrore; e la morte, improvvisa e spietata, si affrettava per le sue strade tortuose... La gente moriva al ritmo di cento al giorno, e quasi nessuno di coloro che erano stati attaccati dalla malattia ne guarì; gli dèi erano stati fatti uscire dai templi abbandonati e collocati nelle strade; furono fatte loro offerte e furono fatti sacrifici, ma non si fermarono la peste".

Quella era la Cina arretrata, presumibilmente spazzata via dalla rivoluzione comunista di Mao Zedong.

Niall Ferguson, tra gli storici più quotati al mondo scrive, in un editoriale sul Bloomberg, che, in realtà, i disastri causati dall'uomo hanno superato quelli naturali, uccidendo decine di milioni di persone sotto la tirannia di Mao, la più disastrosa delle quali è stata la carestia del 1959-61.

Secondo il resoconto definitivo di Frank Dikotter, 45 milioni di persone “morirono inutilmente” a causa del crollo della produzione agricola causato dal disastroso“Grande balzo in avanti” di Mao, poco meno del 7% della popolazione cinese.

Negli ultimi due anni, il governo del presidente Xi Jinping si è vantato più volte della superiorità della risposta cinese alla pandemia di Covid-19.

Mentre gli americani decadenti non sono riusciti a contenere la diffusione del virus SARS-CoV-2, in Cina non ci sono stati praticamente casi, con un totale di 4.638 morti fino a marzo. Il tasso di mortalità degli Stati Uniti era mille volte superiore a quello cinese.

"In ogni caso, il virus è nato negli Stati Uniti ed è stato portato a Wuhan dagli americani. Ovviamente, se ti piace questo genere di cose, segui sui social media il portavoce del "guerriero lupo" del ministero degli Esteri cinese, Lijian Zhao. Puoi anche imparare come la guerra in Ucraina sia stata anche colpa nostra".

"Diverse cose di questa storia mi hanno sempre colpito", scrive Ferguson.

In primo luogo, la Repubblica popolare creata da Mao rimane, ancora oggi, uno stato a partito unico, basato sull'ideologia marxista-leninista e un culto della personalità che ora ruota attorno a Xi.

In secondo luogo, la pandemia ha avuto origine a Wuhan in circostanze che rimangono misteriose. L'ipotesi di lab-leak non è stata confermata o esclusa definitivamente. Ma il fatuo tentativo - non solo del governo cinese ma anche dei suoi apologeti occidentali e della censura dei social media - di chiudere le indagini su tale possibilità, è stato smascherato.

Terzo, indipendentemente dal fatto che il virus abbia avuto origine in un laboratorio o in un mercato alimentare "umido", non c'è dubbio che la prolungata negazione del Partito Comunista Cinese che fosse trasmissibile tra gli esseri umani, ha permesso al virus di diffondersi da Wuhan al resto del mondo, in modo tale che avrebbe potuto essere evitato con un sistema di governo più trasparente e veritiero.

Infine, il successo delle politiche cinesi "Zero Covid" dall'inizio dell'epidemia, è dipeso da due cose: la capacità del PCC di mantenere una sorveglianza unicamente intrusiva della popolazione cinese e il numero di riproduzione relativamente basso del virus.

I blocchi hanno funzionato in Cina e non hanno funzionato nel mondo occidentale perché nessun governo occidentale ha un sistema di controllo sociale come quello cinese.

E Zero Covid è stato raggiunto in Cina, perché il Covid non era il morbillo.

Fino a quando qualcosa è cambiato.

O almeno fino a quando SARS-CoV-2 non è mutato per produrre una variante (omicron) significativamente più contagiosa di quelle conosciute dalle lettere precedenti dell'alfabeto greco.

La variante BA.2 altamente trasmissibile di omicron, è il 35% più trasmissibile di BA.1, che era essa stessa più trasmissibile delle varianti precedenti.

La diffusione esplosiva dell'omicron, prima ad Hong Kong e poi a Shanghai, minaccia di far saltare il coperchio della tanto decantata politica Zero Covid di Xi.

Ormai, la maggior parte degli osservatori avrà intravisto i risultati scioccanti, spesso sotto forma di brevi clip sui social media.

La prova più memorabile è stata l'audio piuttosto che il video.

Le immagini erano di dozzine di palazzi di notte, ma i suoni erano di migliaia di loro abitanti, che urlavano in modo inquietante dopo settimane di incarcerazione nei loro minuscoli appartamenti.

Altre scene restano nella memoria.

Una folla che sfonda un cordone di sicurezza per procurarsi del cibo. Litigi tra residenti frustrati e funzionari. Le strade di questa vasta città deserte; chiuse le autostrade da e per Shanghai; l'enorme flotta di navi portacontainer offshore perché il porto è chiuso.

Soldati dell'Esercito popolare di liberazione inviati in città. I cani e i gatti delle persone infette vengono infilati in sacchi e abbattuti. Un drone che vola verso le persone che urlano dalle finestre dei loro appartamenti e dicono: “Per favore, rispetta le restrizioni Covid. Controlla il desiderio di libertà della tua anima. Non aprire la finestra e non cantare".

In un caso, un giovane di Shanghai ha chiamato la polizia per dire che la sua famiglia era rimasta senza cibo per quattro giorni e si è offerto di andare al quartier generale della polizia per essere arrestato, nella speranza di essere nutrito.

Tutto questo illustra la differenza tra la Cina di Somerset Maugham e quella di Xi Jinping.

La Repubblica popolare ha lasciato "Il velo dipinto" molto indietro, solo per diventare lo stato di sorveglianza distopico descritto nel romanzo di fantascienza "Noi" di Yevgeny Zamyatin (1921).

Ma l'evento centrale di "Noi" è una rivolta contro lo "Stato unico" e il suo onnisciente "Benefattore", una rivolta che ha origine nell'esposizione di alcuni dissidenti al mondo naturale, oltre i confini dello stato di sorveglianza.

"La storia della Cina può essere intesa come un susseguirsi di dinastie imperiali, delle quali, quella del PCC è solo l'ultima. Ognuna delle dozzine di dinastie ha cercato, con vari gradi di successo, di imporre l'ordine, secondo gli standard occidentali, a una vasta popolazione. Periodicamente, tuttavia, il Regno di Mezzo sarebbe precipitato in dongluan, tumulto. Ad esempio, uno dei conflitti più distruttivi dei tempi moderni è stata l'enorme e sanguinosa guerra civile che infuriò quando il movimento Taiping sfidò la dinastia Qing, tra il 1850 e il 1864".

Una parte fondamentale della legittimità del governo del Partito Comunista è che, secondo la versione storica del regime, c'era molto più caos prima del 1949 che dopo.

"In effetti, un elemento centrale della pretesa di Xi Jinping di un lungo mandato come leader cinese è - come una volta mi ha spiegato con veemenza un ex ministro - che ha "salvato il Partito, salvato l'esercito, salvato lo Stato" da una nuova era di disordini causati da corruzione cronica e lotte politiche interne".

Quindi la vendetta del Covid sul suo paese d'origine sarebbe l'inizio di una nuova era di turbolenze?

Quanto saranno grandi le conseguenze economiche dell'ultimo disperato sforzo di Xi per mantenere Zero Covid?

Questi, a loro volta, potrebbero minare la posizione politica interna di Xi?

Questa crisi potrebbe rivelarsi ancora più consequenziale dell'invasione russa dell'Ucraina, che ha così preoccupato il mondo negli ultimi due mesi?

"Le mie risposte a queste domande sono: Probabilmente no; più grandi di quanto attualmente si aspettano gli investitori occidentali; quasi certamente no; e ni".

La prima cosa che dobbiamo fare, è mettere in prospettiva l'attuale epidemia cinese.

Sì, Hong Kong ha avuto un incubo omicron a febbraio e marzo. I casi confermati sono aumentati da zero a oltre 75.000 al giorno, al picco. Rispetto alla popolazione, Shanghai ha seguito una traiettoria molto simile nelle ultime settimane. Guangzhou (la città portuale del sud, un tempo conosciuta in Occidente come Canton) ha avvertito della possibile diffusione nella comunità e ha lanciato un protocollo di test in tutta la città, oltre a creare un ospedale improvvisato con 2.000 posti letto in un centro espositivo.

La Cina non ha visto niente del genere da gennaio 2020 a Wuhan, punto di riferimento per la pandemia. L'attuale crisi, infatti, suggerisce un contagio più diffuso rispetto all'inizio del 2020.

Eppure questi numeri sono tutt'altro che scioccanti se confrontati con le recenti esperienze americane o britanniche. In termini di mortalità, Hong Kong ha avuto un brutto marzo, paragonabile all'esperienza di New York nel gennaio 2021 e nel gennaio 2022, ma circa un terzo peggiore di quello di New York nell'aprile 2020. In relazione alla popolazione, il numero di casi di Covid in Cina e il conteggio dei decessi rimangono banali per gli standard occidentali.

Come in Occidente, così in Cina, omicron produce un picco, non una curva. Il numero effettivo di riproduzione (Rt) a Shanghai è sceso da 1,83 (il 6 aprile) per sette giorni consecutivi, ed è sceso a 1,50 mercoledì. Quel giorno, la Cina ha riportato 3.020 positivi sintomatici confermati (di cui 2.573 a Shanghai) e 26.391 casi asintomatici (di cui 25.147 a Shanghai).

L'esperienza degli Stati Uniti e del Regno Unito suggerisce che Rt raggiunge il picco di circa 9-21 giorni prima, del numero dei casi. Infatti, il governo municipale di Shanghai prevede che l'attuale focolaio potrebbe finire intorno al 2 maggio, con un totale di 293.720 contagi.

Il problema è che i dati cinesi mancano di credibilità.

Non è plausibile, per usare un eufemismo, che Shanghai abbia finora registrato 200.000 contagi, ma zero morti. (Hong Kong ha riportato 8.886 morti su 308.705 casi.)

Secondo quanto riferito, un funzionario anonimo ha ammesso che i criteri per la conferma di casi e decessi erano "suscettibili a ingerenze politiche". Ciò fa eco alle registrazioni, trapelate della scorsa settimana dal dottor Zhu Weiping, un epidemiologo del Centro per il controllo delle malattie di Shanghai, che ha parlato di occultamento ufficiale deliberato e di manomissione dei dati.

"Parte del problema del governo cinese è che ha esagerato con Zero Covid come strategia, sottovalutando le proprietà mutaforma del virus. Ma hanno anche promesso troppo sui loro vaccini".

I tradizionali vaccini a virus inattivati ​​prodotti da Cansino, Sinovac e Sinopharm offrono poca protezione contro l'infezione da BA.2 e il ricovero in ospedale. E molti cinesi anziani restano non vaccinati, anche con quei vaccini di qualità inferiore, forse fino a 15 milioni di età superiore agli 80 anni. Meno della metà degli ultraottantenni ha ricevuto il corso completo di vaccino a doppia dose e meno del 20% ha ricevuto un richiamo. Per gli over 60, poco più della metà (56,4%) ha ricevuto un booster. L'assorbimento di booster in Cina è basso in parte perché non è chiaro se sia sicuro aumentare un vaccino virale inattivato.

Grazie agli accordi di licenza con Fosun Pharmaceutical Group e altre quattro società, la Cina ha ora accesso al trattamento antivirale Paxlovid di Pfizer Inc., che distribuirà alle popolazioni ad alto rischio. Altre compagnie farmaceutiche cinesi stanno cercando di produrre i propri farmaci terapeutici. Ciò abbasserà il tasso di mortalità. Ma il problema più grande della Cina è che è molto indietro rispetto alla curva con i vaccini mRNA.

Il vaccino Pfizer, concesso in licenza a Fosun da dicembre 2020, non si vede ancora da nessuna parte in Cina. La partnership Walvax/Abogen ha terminato l'arruolamento di 22.000 soggetti in uno studio globale di fase 3 del proprio vaccino mRNA, ma ci sono stati numerosi ritardi e l'effetto collaterale riportato della linfopenia (un basso numero di globuli bianchi linfociti) è preoccupante.

Anche la formidabile capacità di test della Cina non sarà in grado di far fronte a un'ondata di omicron a livello nazionale.

Sebbene la produzione di kit di test sia stata accelerata - all'inizio di questo mese sono stati approvati tre nuovi test antigenici rapidi, portando il totale a 27 - nemmeno la Cina può condurre centinaia di milioni di test al giorno su base continuativa. Nella sola Shanghai sono stati eseguiti oltre 100 milioni di test, ma ci sono aneddoti che anche il processo di test può portare alla diffusione del Covid quando le persone entrano in contatto tra loro.

Le conseguenze economiche della crisi dell'Omicron in Cina sono già grandi e potrebbero aumentare.

Le città e le province attualmente in blocco totale o parziale rappresentano il 23% del PIL.

Queste misure, e ulteriori ostacoli ai viaggi interurbani, hanno causato un forte calo dell'attività economica, misurato dalla mobilità del traffico autostradale e dai volumi di merci su camion. La ridotta attività, a sua volta, ha ridotto il consumo di petrolio cinese di 1,3-1,4 milioni di barili al giorno.

L'impatto sulla catena di approvvigionamento potrebbe essere molto maggiore rispetto a luglio e settembre dello scorso anno, quando sono state imposte restrizioni relativamente mirate ad una manciata di porti.

Secondo i dati di VesselsValue Ltd., il numero di navi in ​​attesa di essere imbarcate o sbarcate nel porto di Shanghai è aumentato del 500% nelle ultime sei settimane. Questo è quasi il doppio del livello al picco delle interruzioni della catena di approvvigionamento nel terzo trimestre del 2021.

In una lettera al vice premier cinese di questo mese, la Camera di commercio europea in Cina ha dichiarato che il 51% della logistica e del magazzino delle aziende tedesche e il 46% delle loro catene di approvvigionamento, è stato completamente o gravemente colpito dall'attuale situazione Covid in Cina.

Ci sono anche altre conseguenze economiche.

La provincia di Jilin, che ha riaperto la scorsa settimana dopo tre settimane di blocco, è uno dei più importanti produttori agricoli cinesi. Insieme a Shandong e Hebei, rappresenta circa il 30% della produzione di mais e grano del paese. Una riacutizzazione dei casi in queste regioni potrebbe portare ad un aumento dei prezzi dei generi alimentari.

La Cina non ha ancora sperimentato l'impennata dell'inflazione che stiamo vedendo in gran parte del resto del mondo. Gli ultimi dati sull'inflazione dei prezzi al consumo ha registrato un modesto aumento dallo 0,9%.

Ma l'inflazione dei prezzi degli ortaggi è stata del 17,2% a marzo, in aumento rispetto al meno-0,1% di febbraio.

In breve, sembra che omicron e l'Ucraina insieme abbiano colto di sorpresa il governo cinese dopo aver ambiziosamente mirato alla crescita del PIL "intorno al 5,5%" nelle sessioni congiunte di marzo dell'Assemblea nazionale del popolo e della Conferenza consultiva politica del popolo.

"Parla con le persone della comunità imprenditoriale cinese e sentirai frasi come "l'economia è la peggiore che sia mai stata nella mia memoria". Di recente le tendenze su Toutiao (il Twitter cinese per le notizie) sono state domande su come trasferirsi fuori dalla Cina".

Quali sono le conseguenze politiche?

Si potrebbe pensare che il crollo della politica Zero Covid e il deterioramento della situazione economica rappresenterebbero una minaccia per Xi.

"Ma penso che ti sbaglieresti. In primo luogo, la maggior parte dei cinesi non incolpa Xi o il governo centrale, ma i funzionari locali di Shanghai per aver fallito la politica Covid, non avendo imposto un blocco non appena sono emersi casi. Rimane un proverbio comune: "Le montagne sono alte e l'imperatore è lontano".

Mercoledì i media del partito hanno confermato che il presidente si era assunto la responsabilità personale della decisione di raddoppiare la politica Zero Covid.

"Xi Jinping ha sottolineato che l'attuale pandemia globale è ancora molto grave, quindi non possiamo allentare il lavoro di prevenzione e controllo", si legge nel rapporto . Le parole d'ordine rimangono: "Aderire alla [politica di] prevenzione dei casi importati e un rimbalzo dei casi domestici ... Aderire alla precisione scientifica e alla dinamica zero COVID". Un altro commento ha dichiarato:

"Nonostante le crescenti difficoltà a contenere il virus in evoluzione, più trasmissibile e nascosto, il Paese lo sconfiggerà con azione e determinazione. La Cina non rinuncerà mai a proteggere la vita dei suoi cittadini. Cercare di “convivere con il virus” … che si basa esclusivamente sulla vaccinazione anziché su altre misure di prevenzione, non è una scelta per la Cina … La Cina non vuole e non può adottare un metodo così disfattista e darwiniano … La politica dinamica zero-Covid è una riflesso della filosofia di sviluppo incentrata sulle persone del governo cinese".

Due settimane fa, Xi ha inviato il vicepremier Sun Chunlan a Shanghai per prendere il controllo dallo sfortunato governo municipale.

All'arrivo, Sun si è impegnato inequivocabilmente a tenere sotto controllo l'epidemia, a qualunque costo. Il portavoce dei media del PCP Xinhua ha scritto che Sun era stato inviato "per eseguire le importanti istruzioni del segretario generale Xi Jinping", vale a dire per "indagare sulla prevenzione e il controllo dell'epidemia". Sun "ha sottolineato la necessità di aderire alla politica generale dello 'zero dinamico' senza esitazione o vacillamento, atteggiamento risoluto e deciso e un'azione rapida e vigorosa".

In risposta alla crisi economica, in modo simile, Xi ha messo il premier Li Keqiang sulla sedia bollente.

Li, ha riconosciuto in un discorso in un forum economico il 7 aprile che “la situazione globale è complicata e in evoluzione e sono stati segnalati focolai di pandemia a casa. Alcuni fattori di emergenza hanno già superato le aspettative". Ha aggiunto che il “sostegno politico” dovrebbe “intensificarsi al momento opportuno. Mentre le misure esistenti dovrebbero essere applicate, il prima possibile dovremmo studiare nuove contromisure”.

Gli economisti cinesi hanno recentemente sostenuto un maggiore sostegno alle imprese attraverso tagli e sussidi fiscali, un maggiore allentamento monetario tagliando il rapporto tra fabbisogno di riserva e tassi di interesse, più misure per stabilizzare il mercato immobiliare e maggiori investimenti in infrastrutture.

Anche così, è possibile che Li annunci un obiettivo di crescita del PIL più realistico, dopo la riunione del Politburo di questo mese.

Nel frattempo, lo slogan del partito del momento è "mercato interno unificato", il che implica ancora più controllo statale sull'economia.

Un piano che serve a Pechino per accelerare sul perno macroeconomico della "doppia circolazione". L'obiettivo generale della strategia, vale a dire l'autosufficienza della Cina, ha importanti implicazioni settoriali. Il primo è che il potenziamento della capacità industriale cinese ridurrà la sua dipendenza dal resto del mondo ed eliminerà potenziali colli di bottiglia, spesso legati alle risorse naturali e alla tecnologia.

La realtà di fondo è che, per ragioni sociali oltre che economiche, Zero Covid dovrà essere tranquillamente abbandonata.

Ecco perché le restrizioni di Shanghai sono state allentate negli ultimi giorni.

I residenti, in aree senza casi registrati negli ultimi 14 giorni, ora possono lasciare i loro edifici. Alcuni individui che sono risultati positivi possono essere messi in quarantena a casa piuttosto che nei centri di quarantena pubblici.

Fonte Bloomberg

Niall Ferguson è Milbank Family Senior Fellow presso la Hoover Institution della Stanford University ed editorialista di Bloomberg Opinion. In precedenza è stato professore di storia ad Harvard, New York University e Oxford. È il fondatore e amministratore delegato di Greenmantle LLC, una società di consulenza con sede a New York. Il suo ultimo libro è "Doom: The Politics of Catastrophe".

179 visualizzazioni0 commenti