top of page

Messico si consolida come principale partner commerciale degli USA di fronte al declino della Cina

Le importazioni dal gigante asiatico sono diminuite del 24% fino a maggio. Le aziende statunitensi acquistano meno dalla Cina poiché le relazioni rimangono tese.


Le aziende americane stanno intensificando i loro sforzi per ridurre la loro dipendenza dai fornitori cinesi, anche se i funzionari di Washington e Pechino si affrettano a porre fine alla loro aspra relazione.

Nei primi cinque mesi di quest'anno, le importazioni statunitensi dalla Cina sono diminuite del 24% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo il Census Bureau. Aziende come HP, Stanley Black & Decker e Lego sono tra quelle che hanno riposizionato le loro linee di fornitura per i consumatori americani, sia per evitare il rischio di rimanere intrappolati tra superpotenze rivali sia come parte di una strategia a più lungo termine per produrre beni più vicini ai clienti.

In ogni caso, il ruolo della Cina al centro dell'industria manifatturiera globale potrebbe affrontare la sfida più grande da quando il paese è entrato nel sistema commerciale globale più di due decenni fa.

Messico, Vietnam e Thailandia confinano con l'egemonia cinese, anche se mancano delle sue dimensioni e delle infrastrutture di prim'ordine.

Una combinazione di forze politiche ed economiche sta guidando la trasformazione della supply chain .

I dazi statunitensi su circa due terzi delle merci cinesi, imposti durante l'amministrazione Trump, hanno tagliato i nuovi ordini. I salari degli operai cinesi sono aumentati, erodendo uno dei vantaggi competitivi del Paese. La strategia economica incentrata sullo stato del presidente cinese Xi Jinping, la repressione delle società private e l'approccio cauto dell'amministrazione Biden hanno ulteriormente raffreddato i legami commerciali.

Il comportamento dei governi l'uno verso l'altro - la posizione più ostile e conflittuale - sta iniziando a influenzare il processo decisionale del settore privato perché cambia il profilo di rischio", ha affermato Adam Slater, capo economista di Oxford Economics a Londra.

Le merci cinesi rappresentano circa un dollaro su sei che gli americani spendono per le importazioni, rispetto a quasi uno su quattro prima della pandemia, secondo i dati di Oxford. Anche il Giappone acquista meno dalla Cina. Ma i paesi europei, come Germania e Francia, rimangono stabili.

Gli investitori stranieri, nel frattempo, stanno costruendo meno fabbriche cinesi, suggerendo che altri paesi asiatici continueranno ad aumentare la loro quota di importazioni statunitensi a spese della Cina.

La spesa annuale per le strutture greenfield in Cina è scesa da circa $ 100 miliardi nel 2010 a $ 50 miliardi nel 2019 e ha raggiunto solo $ 18 miliardi l'anno scorso, secondo i dati di Oxford.

"Quello che stiamo vedendo dal disimpegno degli Stati Uniti sembra che continuerà", ha detto Slater. "L'unica vera domanda è fino a che punto si estenderà".

L'amministrazione Biden ha dato una svolta positiva al commercio USA-Cina, cercando di rassicurare il governo cinese che gli Stati Uniti vogliono solo "ridurre i rischi" dei legami commerciali spostando linee di approvvigionamento critiche verso gli Stati Uniti o verso la Cina: non perseguire un divorzio economico.

Di fronte alle crescenti preoccupazioni per la sicurezza nazionale, l'amministrazione ha limitato le esportazioni verso la Cina dei semiconduttori più avanzati e prevede di annunciare presto nuovi limiti agli investimenti statunitensi nei settori tecnologici cinesi.

Durante un viaggio a Pechino a luglio, il segretario al Tesoro Janet L. Yellen ha affermato che il commercio "record" tra Stati Uniti e Cina lo scorso anno ha dimostrato che "c'è ampio spazio per le nostre aziende per impegnarsi nel commercio e negli investimenti".

Ma anche prima del calo di quest'anno negli acquisti statunitensi di forniture cinesi, il commercio tra i due paesi si stava riducendo in termini reali, o corretti per l'inflazione.

Considerando l'aumento dei prezzi, il commercio bidirezionale da 690 miliardi di dollari dello scorso anno è stato inferiore del 7% rispetto al picco pre-guerra commerciale nel 2018, secondo i calcoli di Alfredo Carrillo Obregón, un ricercatore associato.

Il valore aggiustato per l'inflazione delle importazioni statunitensi dalla Cina lo scorso anno è stato inferiore del 12% rispetto a cinque anni fa.

Un alto funzionario del Tesoro, parlando a condizione di anonimato per discutere le deliberazioni interne sulle osservazioni del segretario, ha affermato che il totale aggiustato per l'inflazione è rimasto "molto significativo e vicino al massimo storico".

All'inizio di quest'anno, il Messico è diventato il principale partner commerciale degli Stati Uniti, poiché i produttori hanno sempre più favorito le reti di fornitura regionali rispetto a quelle globali.

Messico, Canada e Cina si sono alternati mantenendo il primo posto dall'inizio della guerra commerciale del 2018.

Il Vietnam e la Tailandia sono emerse come alternative principali per le aziende che cercano di diversificarsi fuori dalla Cina rimanendo nel vicinato. E l'India sta attirando l'attenzione di produttori come Apple, che prevede di rafforzare la sua produzione di iPhone lì.

L'industria elettronica sta guidando la spinta verso nuove sedi di produzione.

La quota cinese delle importazioni di personal computer statunitensi è scesa al 45% lo scorso anno dal 61% del 2016, secondo S&P Global Market Intelligence. Nello stesso periodo, la quota dei fornitori cinesi nelle importazioni di stampanti statunitensi è scesa dal 48% al 23%.

Le decisioni prese in innumerevoli sale riunioni, non alla Casa Bianca, sono alla base del cambiamento.

"I governi non delocalizzano. Sono le aziende che lo fanno”, afferma Chris Rogers, responsabile della ricerca sulla catena di approvvigionamentopresso S&P Global Market Intelligence.

HP prevede di produrre più notebook business in Messico e aumentare la produzione di modelli consumer in Tailandia. In una dichiarazione pubblicata sul suo sito Web il mese scorso, HP ha affermato che sta aggiungendo "un aumento della produzione di laptop in Messico per servire i clienti in tutta la regione" e spera di espandere il suo impianto di produzione di stampanti esistente a Corvallis, Oregon.

Con 12.000 fornitori cinesi e un importante centro di ricerca e sviluppo a Shanghai, l'azienda rimane impegnata in Cina.

"Siamo sempre alla ricerca di modi per migliorare la resilienza della nostra supply chain globale.

Una delle lezioni chiave degli ultimi tre anni è la necessità di una maggiore flessibilità e un numero crescente di clienti richiede una produzione multi-source”, ha risposto via e-mail un portavoce di HP.

Stanley Black & Decker sta riprogettando la sua catena di fornitura per eliminare 1,5 miliardi di dollari di costi annuali entro il 2025. Il produttore di utensili sta consolidando gli impianti; tre anni fa ha chiuso una fabbrica cinese di utensili elettrici a Shenzhen e ora serve il mercato nordamericano da uno stabilimento in Messico. "Con la nostra trasformazione della supply chain, abbiamo adottato misure per migliorare la reattività e la consegna ai nostri clienti, accelerare l'innovazione e velocizzare il time-to-market", ha affermato un portavoce.

Anche il produttore di giocattoli Lego ha ridotto le spedizioni dalla Cina agli Stati Uniti. Tra il 2015 e il 2017, una media annuale di quasi il 18% dei prodotti statunitensi dell'azienda proveniva dalla Cina, secondo S&P Global. Che è sceso a solo il 3 per cento l'anno scorso.

Il Messico, che ha fornito a lungo più della metà delle spedizioni dell'azienda negli Stati Uniti, compresi i suoi articoli più popolari, ora rappresenta il 70%.

Lego ha una strategia di approvvigionamento regionale da circa 15 anni, ha affermato Oliver Leach, direttore senior delle comunicazioni dell'azienda. Lego rifornisce il mercato cinese da una fabbrica a Jiaxing e spera di aprire una fabbrica da 1 miliardo di dollari in Vietnam il prossimo anno per gestire la crescita in Asia. Nel 2025, l'azienda prevede di aprire un nuovo stabilimento a Richmond per rifornire il continente americano.

'Localizzando la produzione e dando la priorità ai fornitori vicini ai nostri mercati principali, questo ci consente di soddisfare rapidamente la domanda locale, accorciare le catene di approvvigionamento e ridurre le interruzioni e l'impatto ambientale delle spedizioni di prodotti su lunghe distanze", ha affermato.

Tuttavia, la Cina rimane la fabbrica del mondo, rappresentando il 31% del valore aggiunto della produzione globale , rispetto al 17% degli Stati Uniti, al secondo posto.

Con i suoi porti moderni, le autostrade e le ferrovie ad alta velocità, nonché i gruppi di fabbriche in grado di adattarsi rapidamente alle mutevoli condizioni, la Cina conserva vantaggi che nessun altro paese può eguagliare. Secondo S&P Global, i fornitori cinesi continuano a dominare i mercati di beni come batterie per veicoli elettrici, utensili da cucina e serramenti in alluminio.

Paesi come il Messico, l'India e il Vietnam stanno approfittando dei riallineamenti della catena di approvvigionamento globale per tagliare la quota della Cina nel settore manifatturiero globale, ma non cambieranno radicalmente il suo dominio in tempi brevi", ha affermato l'economista Eswar Prasad, professore di politica della Cornell University.

"La realtà è che nessun'altra economia può eguagliare le dimensioni e la portata del settore manifatturiero cinese, sebbene gli sviluppi nei fattori interni ed esterni suggeriscano che abbiamo già raggiunto o superato la quota massima della Cina nella produzione globale".

Alcuni economisti affermano che il calo delle spedizioni cinesi negli Stati Uniti potrebbe non essere così drastico come suggeriscono i dati del Census Bureau. I rapporti del governo cinese mostrano un calo minore.

Le cifre commerciali per gli Stati Uniti e la Cina sono divergenti da tempo, in parte perché differiscono nella contabilizzazione delle spedizioni attraverso Hong Kong. Ma durante la guerra commerciale, si aprì un cuneo più grande tra le due serie di libri. Le società americane sembrano aver sottostimato le loro importazioni dalla Cina per sfuggire ai dazi imposti dall'amministrazione Trump, secondo una nota di ricerca della Federal Reserve del 2021.

Le minori spedizioni cinesi verso gli Stati Uniti riflettono anche le condizioni in settori specifici. Rivenditori come Target e Walmart stanno effettuando meno ordini di prodotti cinesi poiché si concentrano sulla riduzione di scorte insolitamente elevate. E anche i cambiamenti nel commercio panasiatico di elettronica potrebbero offuscare il quadro, poiché alcune merci originarie della Cina vengono inviate in Vietnam per piccoli ritocchi prima di dirigersi verso gli Stati Uniti, secondo l'economista Brad Setser, membro anziano del Consiglio delle Relazioni Esterne.

"La quota di mercato della Cina negli Stati Uniti è diminuita molto di più utilizzando i dati statunitensi che utilizzando i dati sulle esportazioni cinesi", ha affermato in una e-mail.

"A proposito, non c'è dubbio sulla recente debolezza, ma c'è sulla misura in cui gli Stati Uniti si sono davvero disaccoppiati dalla Cina".

Le carenze nella politica commerciale degli Stati Uniti stanno impedendo ad alcuni acquirenti statunitensi di spostare più ordini da fabbriche al di fuori della Cina.

Dalla scadenza, tre anni fa, di un programma che consentiva la merce negli Stati Uniti in esenzione doganale da molti paesi in via di sviluppo, le aziende non hanno più un incentivo a spostare i loro ordini dalla Cina in quei luoghi, ha affermato Steve Lamar, presidente di American Apparel Associazione calzaturiera. Un programma simile per decine di Paesi africani scadrà nel 2025.

"Il governo federale ha svolto un chiaro lavoro nell'incoraggiare la diversificazione fuori dalla Cina", ha affermato.

"Ma non ha suggerito chiaramente dove deve andare questa diversificazione".


© Washington Post 2023

16 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page