"Segnale importante" dalla Germania: ergastolo per tortura di stato in Siria

Aggiornamento: 14 gen

G. Iuvinale

E' arivato oggi il verdetto in quello che, secondo la Procura federale tedesca, è il primo procedimento penale al mondo per tortura di stato in Siria.

La Corte regionale superiore di Coblenza ha condannato all'ergastolo il siriano Anwar R., tra l'altro per crimini contro l'umanità. Secondo i giudici, il 58enne sarebbe stato responsabile della tortura di almeno 4.000 persone in una prigione del Servizio di intelligence generale nella capitale siriana Damasco.

Foto: NJW


Il processo, iniziato nell'aprile 2020, si è concluso dopo il 108° giorno, ma la sentenza non è ancora definitiva. Il procedimento penale, con più di 80 testimoni e con un certo numero di vittime di torture in qualità di co-querelanti, aveva attirato l'attenzione internazionale. L'imputato si era dichiarato innocente. Pertanto, la sua difesa aveva chiesto l'assoluzione. La Procura federale aveva chiesto l'ergastolo e l'accertamento della particolare gravità della colpa, che avrebbe quasi escluso la scarcerazione dopo 15 anni. Il Senato per la sicurezza dello Stato a Coblenza è convinto che Anwar R. abbia commesso i crimini contro l'umanità nel 2011 e nel 2012 durante la fase iniziale della guerra civile siriana. Il principio del diritto mondiale nel diritto penale internazionale consente di perseguire eventuali crimini di guerra commessi da stranieri in altri paesi. Anwar R. è stato riconosciuto dalle vittime della tortura dopo la sua fuga in Germania ed arrestato a Berlino nel 2019. Amnesty International ha espresso la speranza che ulteriori azioni legali vengano avviate secondo il principio del diritto universale.


Ulteriori mandati d'arresto contro alti funzionari siriani

La portavoce di politica interna del gruppo parlamentare dei Verdi, Lamya Kaddor, ha dichiarato dopo il verdetto: "L'ergastolo per un torturatore di alto rango del regime siriano è una pietra miliare nel diritto internazionale e un altro colpo dello Stato di diritto contro l'impunità per i criminali di guerra». Anwar R. è stato ora "portato alla sua giusta punizione". Kaddor ha fatto anche iferimento ad ulteriori mandati di arresto contro alti funzionari siriani in Germania.


Amnesty International vede il verdetto come un segnale importante

I politici e le organizzazioni per i diritti umani hanno accolto favorevolmente il verdetto che fa riferimento a crimini contro l'umanità sotto forma di omicidio, tortura, grave privazione della libertà, stupro e aggressione sessuale unitamente all'omicidio in 27 casi, lesioni personali pericolose in 25 casi, stupro particolarmente grave , aggressione sessuale in due casi, oltre una settimana di privazione della libertà in 14 casi, presa di ostaggi in due casi e abuso sessuale di prigionieri in tre casi. Amnesty International ha definito la sentenza un "segnale importante nella lotta contro l'impunità". Il segretario generale dell'organizzazione per i diritti umani della sezione tedesca, Markus N. Beeko, ha dichiarato: "Il tribunale di Coblenza ha stabilito in modo chiaro e formale le condizioni disumane di detenzione, tortura sistematica, violenza sessuale e uccisioni in Siria".


ll Ministro federale della giustizia tedesco sottolinea l'importanza della decisione

Il Ministro federale della Giustizia, Marco Buschmann (FDP), ha affermato che l'importanza della decisione va ben oltre la Germania.

"I crimini contro l'umanità non devono rimanere impuniti: non importa dove vengono commessi, non importa chi li perpetra. Questa è la grande e potente convinzione su cui si basa il diritto penale internazionale".

E questa convinzione è contenuta anche nel giudizio di oggi. Terribili ingiustizie avevano avuto luogo nelle prigioni di tortura del regime di Assad. Dare una risposta a questo nel linguaggio del diritto è "responsabilità dell'intera comunità internazionale". Il Ministro vorrebbe che altri Stati costituzionali seguissero l'esempio. Chiunque abbia commesso crimini contro l'umanità non dovrebbe trovare un rifugio sicuro da nessuna parte.


L'attivista per i diritti umani sottolinea il valore simbolico del giudizio

Il noto attivista per i diritti umani Omar al-Schughri, lui stesso vittima di torture in Siria, ha dichiarato all'agenzia di stampa tedesca:

"Il valore simbolico della sentenza è la prova di come il trauma ci spinga a ricostruirne le cose fino al punto che non avremmo mai pensato si potesse raggiungere. Il nostro passato è un'arma contro i nostri nemici. " Il verdetto non guarirà il cuore spezzato di ogni madre il cui figlio è stato ucciso sotto tortura, né riporterà le vittime alle loro famiglie. "Ma ci dà speranza che il regime cadrà e saremo liberi".

A gennaio inizia a Francoforte il processo per tortura contro un medico siriano

Markus N. Beeko di Amnesty ha affermato che le indagini e le prove nel caso Anwar R. sono state una base preziosa per il prossimo processo ai sensi del codice penale internazionale. Il 19 gennaio inizierà davanti al Tribunale regionale superiore di Francoforte sul Meno il processo per tortura nei confronti di un medico siriano. È accusato di aver torturato persone in un ospedale militare e in una prigione dell'intelligence militare a Homs, in Siria, nel 2011 e nel 2012, causando loro gravi danni fisici e mentali.






24 visualizzazioni0 commenti