top of page

Taiwan affronta il maggior numero di attacchi informatici al mondo: la maggior parte dalla Cina

Taiwan lavora per rafforzare le proprie tecnologie di sicurezza informatica per contrastare il sabotaggio straniero, principalmente di Pechino. Creato il Ministero degli affari digitali e l’Istituto nazionale per la sicurezza informatica (NICS). La presidente Tsai Ing-wen: la sicurezza informatica è pertinente alla sicurezza nazionale dell'isola


di Nicola e Gabriele Iuvinale



Taiwan ha subito una media di 1.509 attacchi informatici a settimana durante i primi tre trimestri del 2023, secondo un rapporto pubblicato da Check Point, una società internazionale di sicurezza informatica.

Questa cifra rende Taiwan la regione con il maggior numero di attacchi informatici al mondo, afferma il rapporto. La nazione ha visto un aumento del 2% rispetto all’anno precedente.

La maggior parte di questi attacchi proviene dalla Cina, compresi tentativi su larga o meno finalizzati a negare l’accesso o sabotare i siti web governativi. Il deputato del parlamento taiwanese Wang Ting-Yu ha detto a 60 Minutes di CBSNews che, sebbene Taiwan non intraprenda contrattacchi, si difende.

“Siamo già in guerra”, ha detto Kitsch Yen-Fan, vicedirettore del Global China Hub presso l'Atlantic Council. "Questa è una cosa costante."

Secondo un rapporto del 2022 del Digital Society Project, un’iniziativa dell’istituto svedese Varieties of Democracy, Taiwan si è classificata come il principale obiettivo della disinformazione estera nel mondo da quasi un decennio. Politici e ricercatori taiwanesi affermano che la maggior parte di questi attacchi proviene dalla Cina.

I dati mostrano che gli attacchi informatici contro Taiwan sono aumentati prima della visita della Pelosi nella piccola isola nell'agosto del 2022, sia nei tentativi di hacking che nella disinformazione diffusa su piattaforme di social media popolari, come Facebook, YouTube e LINE, un'app di messaggistica istantanea popolare a Taiwan.

"Le notizie false sui social media sono un modo per [la Cina] di aprire la strada alla loro eventuale operazione", ha affermato Kitsch. “Vogliono sostanzialmente influenzare l’opinione pubblica, demoralizzare il pubblico, [per] rendere la loro eventuale presa del potere molto più semplice, che è in realtà ciò che i russi stavano cercando di fare in Ucraina”.

La disinformazione non è l’unico fronte della guerra informatica cinese. Gli attacchi informatici potrebbero anche presentarsi sotto forma di interruzioni e tentativi di hacking, sia tentativi su larga scala contro le infrastrutture, sia assalti a livello più piccolo contro obiettivi digitali, tra cui negare l’accesso o deturpare i siti Web governativi.

Wang ha detto che i dati dell'intelligence taiwanese mostrano che circa 20 milioni di attacchi informatici prendono di mira l'isola ogni giorno e la Cina è la fonte della stragrande maggioranza di essi.

"Taiwan è un'isola informatica. Siamo bravi nell'alta tecnologia..." ha spiegato. "Siamo sotto questo tipo di attacchi da molto tempo. Quindi la nostra capacità di contrastare questo tipo di attività è abbastanza elevata", ha detto.

A febbraio, la presidente Tsai Ing-wen ha riferito che il governo continuerà a potenziare le proprie tecnologie di sicurezza informatica, affrontando al contempo le minacce rilevanti provenienti da attori stranieri. “Il governo non sta lasciando nulla di intentato nella creazione di un ambiente digitale sicuro, protetto e stabile per le persone”, ha affermato Tsai, citando la creazione del Ministero degli affari digitali e dell’Istituto nazionale per la sicurezza informatica (NICS).

Tsai ha riconosciuto che la sicurezza informatica è pertinente alla sicurezza nazionale. L’obiettivo di NICS è promuovere la ricerca, lo sviluppo, le applicazioni e i servizi sulla sicurezza informatica, rafforzando allo stesso tempo la resilienza digitale di Taiwan, ha aggiunto.

A settembre, il ministro degli Affari economici di Taiwan Wang Mei-hua e il direttore del National Institute of Standards and Technology (NIST) degli Stati Uniti, Laurie E. Locascio, hanno rafforzato la cooperazione bilaterale in materia di sicurezza informatica. I due hanno concordato di istituire una catena di fornitura congiunta di sicurezza informatica nell’ambito del quadro di collaborazione per il commercio e gli investimenti tecnologici tra Stati Uniti e Taiwan.

11 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page