The clock is ticking. Il tempo stringe per prepararsi alla lunga guerra nel Pacifico

Il tempo di preavviso per gli Stati Uniti e i suoi alleati per prepararsi al conflitto nel Pacifico occidentale è scaduto. L'orologio sta ticchettando: la guerra potrebbe essere lunga ed espandersi ovunque


di Nicola Iuvinale

La presidente della Camera Nancy Pelosi è sbarcata a Taiwan a dispetto delle minacce della dirigenza cinese. Non siamo più nel "periodo di preavviso", ma in quello di preparazione”, scrive Wallace C. Gregson, nel suo articolo "Time Is Running Out to Prepare for War in the Pacific".

"Si spera che il mondo lo comprenda in tempo".

Il concetto di "periodo di preavviso" può essere molto utile, ma ha i suoi rischi. La Gran Bretagna, sulla scia delle ingenti perdite nella Grande Guerra, adottò una regola di pianificazione secondo cui le forze armate avrebbero dovuto seguire una regola di dieci anni e non pianificare di combattere una guerra durante quel periodo. Ciò avrebbe fatto risparmiare risorse, poiché l'elevata prontezza è costosa. Avrebbe consentito, inoltre, uno sviluppo misurato e prudente delle apparecchiature. Il cocetto veniva esaminato ogni anno e rinnovato. Il Tesoro era contento, il Ministero della Difesa meno.

"Ma, le potenze dell'Asse, come sappiamo, avevano una linea temporale diversa".
"Com'è stato dimostrato alla fine degli anni '30 e convalidato nel 1940, il rischio sta nel non rendersi conto che il tempo di preavviso è scaduto e quello di preparazione è iniziato".

L'America lottò per riconoscere che il tempo di preavviso era scaduto. Una bozza di piano, in tempo di pace, non fu inviata fino al 1940. L'industria non era preparata. Inoltre, mancava la prontezza mentale. Il generale George C. Marshall, capo di stato maggiore dell'esercito americano, dovette sostituire ufficiali molto anziani, ancora innamorati della cavalleria, anche dopo la caduta della Francia.

Un esempio di uno stato che valutò i tempi di preparazione giusti fu l'Australia, che riconobbe correttamente i venti di guerra ben prima dello scoppio della seconda guerra mondiale nel Pacifico.

Nel 2021, l'onorevole Kim Beazley AC, governatore dell'Australia occidentale ed ex ambasciatore negli Stati Uniti, ha tenuto un'avvincente conferenza del Primo Ministro John Curtin che descrive in dettaglio la preparazione dell'Australia alla guerra, guidata dall'allora Primo Ministro John Curtin.

"Il "tempo di allerta" degli Stati Uniti, nel Pacifico occidentale, è scaduto".

Dal 1945 in poi, gli Stati Uniti hanno goduto di una supremazia aerea e marittima incontrastata. Le linee di comunicazione dell'America attraverso il Pacifico - la sua pipeline logistica, in altre parole - erano ugualmente incontrastate. Hanno schierato gruppi di portaerei, senza sfida nelle vicinanze dello Stretto di Taiwan in risposta alle crisi della metà degli anni '90.

La formazione militare cinese iniziata sotto Deng Xiaoping negli anni '80 ha subito un'accelerazione negli anni '90, forse in risposta al successo degli schieramenti di Washington.

La Cina ha sfruttato appieno la fusione civile-militare per garantire il supporto nazionale e industriale per modernizzare ed espandere le sue forze in modo eccezionalmente rapido.

I progressi tecnologici, in particolare l'emergere di una sorveglianza pervasiva e di armi accurate a distanza, hanno consentito alla Cina di perseguire il controllo del mare dalla terraferma.

Ciò, grazie ad un enorme edificio navale complementare, con le forze adatte alla proiezione del potere globale, aggiunto al crescente potere della Cina e alla capacità di contestare il controllo del mare americano.

La massiccia operazione di dragaggio di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, dal dicembre 2013 all'ottobre 2015, è stata una magistrale dimostrazione del controllo de facto del mare. La Cina ha creato quasi 3.000 acri in cima alle barriere coralline, nonostante la probabilità di gravi danni ambientali. Queste isole artificiali sono ora completamente militarizzate con lunghe piste e porti in acque profonde.

Una di queste è più grande di Pearl Harbor; un'altea è più grande dell'area all'interno della tangenziale DC. Le reazioni statunitensi e globali sono state molto attenuate, nella migliore delle ipotesi. Le Filippine sono state un'unica eccezione, ma sono state rapidamente ignorate dalla Cina.

La superiorità marittima e aerea americana è ora sfidata, con terribili effetti sulla deterrenza.

Cosa fare adesso? Come ogni altra cosa, il "tempo di preparazione" non può essere sprecato. È urgente intervenire. Le linee guida e le ipotesi devono essere sviluppate ed emanate subito. "Per cominciare, dobbiamo abbandonare i nostri presupposti espliciti e impliciti di una guerra breve, acuta, con due medaglie e una promozione. Ogni volta sbagliamo. Il dottor Hal Brands dell'American Enterprise Institute fornisce un potente argomentazione contro queste tendenze".

I suoi punti, riassunti:

  • gli Stati Uniti potrebbero pianificare il tipo sbagliato di guerra con la Cina. È probabile che un conflitto sino-americano sia lungo piuttosto che breve; è probabile che si estenderà geograficamente piuttosto che rimanere confinato nello Stretto di Taiwan;

  • La maggior parte dei moderni scontri tra grandi potenze sono state lunghe guerre, durate mesi o anni anziché giorni o settimane. E man mano che le guerre tra grandi potenze vanno a lungo, spesso diventano più grandi, più disordinate e più difficili da districare;

  • Una guerra sino-americana presenterebbe rischi molto più elevati di escalation convenzionale e nucleare di quanto molti osservatori riconoscano;

  • Una guerra prolungata nel Pacifico occidentale presenterebbe agli Stati Uniti gravi sfide e alcune opportunità inaspettate. I funzionari americani devono iniziare a pensare a questioni chiave: resistenza, resilienza, coercizione, sfruttamento e continuazione.

Si noti che Brands rifiuta un altro dei presupposti statunitensi impliciti: quello che ogni potenziale conflitto in Asia resti contenuto nella propria area. Un conflitto coreano rimarrebbe certamente confinato nella penisola coreana.

"Al contrario, è probabile che un conflitto che inizi ovunque nell'Asia orientale si diffonda in ogni dove".

"Quindi, partiamo dall'inizio: molto prima di arrivare nell'arena tattica, dove avverrà la sparatoria, dobbiamo esaminare produzione, dove le nostre forze sono costruite, reclutate, personale e addestrate. Gli Stati Uniti hanno la capacità di aumentare la produzione di navi, aeroplani e armi? Le prime indicazioni sono che gli Stati Uniti non possono sostituire i missili Stinger e Javelin e sistemi di artiglieria a tubi e razzi che sono andati in Ucraina, in qualsiasi momento. Abbiamo i tecnici formati per fare tre turni negli stabilimenti? Possiamo ancora reclutare abbastanza giovani uomini e donne per il servizio militare? Secondo l'apprezzata organizzazione no-profit Mission Readiness, "negli Stati Uniti, il 71% dei giovani di età compresa tra 17 e 24 anni non si qualifica per il servizio militare e l'obesità squalifica il 31% dei giovani dal servizio, se lo desiderano.”

Poi c'è la logistica, ovvero l'ottenimento delle forze e del loro supporto materiale dagli Stati Uniti sul teatro di combattimento. Carburante, olio, acqua, pezzi di ricambio, gruppi di apparecchiature e cibo sono requisiti irriducibili. Basta guardare ai primi giorni della seconda guerra mondiale, quando le forze americane nel Pacifico occidentale furono messe in rotta perché i piani per fornire rapidamente rinforzi fallirono.

"War Plan Orange non è riuscito ad apprezzare l'effetto dei progressi tecnologici, in particolare l'aereo armato. Dove sono le basi di stadiazione intermedie? Dove vengono riparate le navi e gli aerei danneggiati vicino all'area di contatto? Dove collocano i militari le riserve di carburante e munizioni? Quanto siamo sicuri dell'accesso in molte aree in cui la Belt and Road Initiative cinese sta lavorando per cambiare la lealtà? L'arena operativa è dove le forze pronte si muovono al suono dei cannoni. Le forze che effettuano manovre operative devono essere protette per gli attacchi. C'è molto lavoro da fare".

"La forza dell'America sta nei suoi alleati, quindi devono essere coinvolti nella ricerca attiva della preparazione".

Negli anni '50, quando gli Stati Uniti e i loro alleati avevano già affrontato enormi cambiamenti geopolitici e tecnologici, il presidente Eisenhower avviò il Progetto Solarium, coinvolgendo esperti in modo bipartisan, da tutto il governo e dalla società, per sviluppare una strategia necessaria. Questo esempio storico può essere ampliato per includere l'Australia, che è già un partner nello sviluppo tecnologico attraverso l'accordo AUKUS. Il Giappone ospita la maggior parte delle forze statunitensi nella regione e si sta muovendo verso la difesa collettiva attiva. L'India, il quarto membro del Quad, ha molto da contribuire. Dare energia e rendere operativo il Quad servirebbe di per sé come deterrente.

"L'orologio sta ticchettando. Il tempo di preavviso per gli stati Uniti e i suoi alleati, per prepararsi al conflitto nel Pacifico occidentale, è scaduto".
E noi italiani siamo pronti?

Fonte: The National Interest.

"Wallace C. Gregson è stato assistente del segretario alla difesa per gli affari di sicurezza dell'Asia e del Pacifico (2009-11) ed è attualmente consulente senior presso Avascent International nonché direttore senior per la Cina e il Pacifico presso il Center for the National Interest. Gregson ha servito l'ultima volta come comandante, US Marine Corps Forces Pacific; Comandante Generale, Fleet Marine Force, Pacifico; e Comandante, basi del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, Pacifico, con sede a Camp HM Smith, Hawaii. È consulente senior di General Atomics Electromagnetic Systems".

Fonte: American Enterprise Institute.

Report: "Getting Ready for a Long War with China: Dynamics of Protracted Conflict in the Western Pacific" (download report)

Hal Brands è ricercatore presso l'American Enterprise Institute, dove studia politica estera e strategia di difesa degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, il Dr. Brands è il Distinguished Professor of Global Affairs di Henry A. Kissinger presso la Johns Hopkins School of Advanced International Studies (SAIS). È anche editorialista di Bloomberg Opinion.

Il Dr. Brands ha precedentemente lavorato come assistente speciale del Segretario alla Difesa per la pianificazione strategica e autore principale per la National Defense Strategy Commission.


0 visualizzazioni0 commenti