top of page

Turkistan Orientale: fermate il genocidio uiguro in Cina!

“Chiediamo azioni, non solo parole. La risposta selettiva della comunità internazionale garantisce di fatto alla Cina il via libera per continuare il suo attacco genocida al Turkistan orientale e alla sua popolazione”, ha detto il Primo ministro Salih Hudayar del Governo in esilio


G e N Iuvinale


Di seguito il comunicato stampa del Governo in esilio del Turkistan orientale (ETGE).


"Il governo in esilio del Turkistan orientale (ETGE), in qualità di voce autorevole degli uiguri e dei turkmeni orientali in tutto il mondo, invita la comunità internazionale, i governi mondiali, le organizzazioni dei media e le istituzioni per i diritti umani ad affrontare l’innegabile e orribile realtà di un genocidio su vasta scala attualmente orchestrato dal governo cinese. Ciò fa seguito all'ultimo discorso di Xi Jinping nel Turkistan orientale, in cui ha chiesto la continuazione delle politiche genocide della Cina contro gli uiguri.





Gli uiguri, insieme ad altri popoli turchi del Turkistan orientale, non solo stanno resistendo ma stanno lottando per sopravvivere a un genocidio calcolato e implacabile. È tempo che il mondo vada oltre il semplice riconoscimento e intraprenda azioni rapide e irrevocabili per ritenere la Cina responsabile. Nonostante le ondate di indignazione globale, il presidente Xi Jinping rimane fermo nel suo agghiacciante impegno a mettere in atto il piano generale di genocidio della Cina nel Turkistan orientale. Un recente articolo da Politico evidenzia la sua determinazione, suscitando una diffusa condanna da parte delle comunità della diaspora del Turkistan orientale.


Dall’occupazione cinese delTurkistan orientale nel 1949, la politica cinese di colonizzazione e assimilazione è culminata in una politica formale di genocidio sotto la guida di Xi Jinping nel 2014. Oltre tre milioni di uiguri, kazaki, kirghisi e altri popoli turchi languono nei campi di concentramento e prigioni , sottoposte ad atrocità impensabili: lavoro forzato, sterilizzazioni involontarie, lavaggio del cervello ideologico, prelievo di organi, matrimoni forzati e aggressioni sessuali, inclusa la straziante separazione forzata di quasi un milione di bambini uiguri e turchi dalle loro famiglie.


Il genocidio in corso in Cina, ammantato di contorti eufemismi come “anti-terrorismo”, “anti-secessione” e “sinizzazione dell’Islam”, testimonia un attacco su vasta scala che cerca di annientare gli uiguri e altri popoli turchi per estinguere la lotta per l’indipendenza del Turkistan orientale.


Nel corso della storia, coloro che anelano alla giustizia e alla libertà hanno fatto appello al discernimento della comunità internazionale. Questo sentimento si riflette nell'appello del governo del Turkistan orientale in esilio, che riecheggia l'urgenza dei nostri tempi.


Il primo ministro Salih Hudayar sottolinea: “Ciò che stiamo affrontando nel Turkistan orientale occupato è una crisi umanitaria di portata senza precedenti nel 21 ° secolo. La distruzione sistematica di una nazione non è qualcosa che il mondo può permettersi di ignorare”.

Governi come Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Paesi Bassi e Belgio hanno fatto passi da gigante riconoscendo le azioni della Cina sia come genocidio che come crimini contro l’umanità. Tuttavia, senza un’azione immediata e consequenziale, questo riconoscimento risulta pericolosamente insufficiente.


L’imperativo è chiaro: le società democratiche che difendono i diritti umani, la libertà e la sacralità della vita, così come gli organismi autorevoli come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Corte penale internazionale (CPI) e la Corte internazionale di giustizia (ICJ), deve agire adesso.


Il presidente Ghulam Yaghma del governo in esilio del Turkistan orientale sottolinea: “Chiediamo azioni, non solo parole. La risposta selettiva della comunità internazionale garantisce di fatto alla Cina il via libera per continuare il suo attacco genocida al Turkistan orientale e alla sua popolazione”.

Sorprendentemente, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Corte Penale Internazionale e persino i governi che promuovono i diritti umani e la libertà hanno distolto lo sguardo. Ciò nonostante il caso ampio e ben documentato dell’ETGE presentato alla CPI nel 2020, ulteriormente supportato da prove inconfutabili nel 2021 e nel 2022, implorando la CPI di avviare un’indagine contro i funzionari cinesi , compreso lo stesso Xi Jinping.


La contraddizione è lampante: mentre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha affrontato la crisi umanitaria in Ucraina e la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto per Putin sull’Ucraina, entrambi rimangono vistosamente inattivi contro la Cina.


La storia ricorderà questo momento. Il governo in esilio del Turkistan orientale, che rappresenta gli uiguri e gli altri popoli turchi del Turkistan orientale, implora ancora una volta la coscienza della comunità internazionale. Ci troviamo a un bivio. Il mondo agirà per impedire lo sradicamento di una nazione, o lasceremo che questo capitolo oscuro venga scritto nella storia incontrastato, aprendo la strada affinché simili atrocità si verifichino in futuro?".


Il genocidio

Come documentato nel saggio La Cina di Xi Jinping, verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico? , il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Ufficio per la Democrazia, i Diritti Umani e il Lavoro, ha pubblicato nel 2022 un rapporto ufficiale sulle pratiche in materia di diritti umani in Cina, Hong Kong, Macao e Tibet, raccogliendo una serie innumerevole di prove e testimonianze.



Il rapporto conferma che genocidio e crimini contro l’umanità si sono verificati durante il 2021 contro uiguri, prevalentemente musulmani, e membri di altri gruppi di minoranze etniche e religiose nello Xinjiang. I crimini sono stati continui e hanno incluso: la detenzione arbitraria o altra grave privazione della libertà fisica di oltre un milione di civili; sterilizzazione forzata, aborti forzati e applicazione più restrittiva delle politiche di controllo delle nascite; stupro; tortura di molte persone detenute arbitrariamente; lavoro forzato e restrizioni draconiane alla libertà di religione o di credo, a quella di espressione e a quella di movimento.


Che il governo cinese abbia commesso genocidio e crimini contro l’umanità contro il popolo uiguro attraverso lo stupro, la sterilizzazione forzata, la tortura, la detenzione, la persecuzione, la deportazione e la sparizione forzata è stato accertato anche dallo “Uyghur Tribunal”, con una sentenza emessa il 9 dicembre 2021.


“Il controllo forzato delle nascite e le politiche di sterilizzazione contro gli uiguri, nella provincia cinese dello Xinjiang, nell’estremo ovest della Cina, avevano lo scopo di ridurre la popolazione del gruppo” - ha affermato il presidente del Tribunale Uiguro.


Si legge in sentenza che, “sulla base delle prove ascoltate in pubblico, il tribunale è convinto, al di là di ogni ragionevole dubbio, che la Repubblica Popolare Cinese, con l’imposizione di misure per prevenire le nascite destinate a distruggere una parte significativa degli uiguri nello Xinjiang, abbia commesso un genocidio


Foto Ufficiale Tribunale Uiguro

Fondato nel Regno Unito da un avvocato di alto livello, Sir Geoffrey Nice, che ha fra l’altro guidato l’accusa contro l’ex presidente serbo Slobodan Milosevic alla Corte Penale Internazionale dell’Aia, il Tribunale Uiguro è un organismo indipendente e non ufficiale, che non ha il sostegno di un governo e non è giuridicamente vincolante in nessun Paese. È stato istituito nel tentativo di chiamare la Cina a rispondere per il trattamento riservato agli uiguri e ad altre minoranze prevalentemente musulmane ed etniche turche nello Xinjiang.


Il Tribunale ha sentenziato che il presidente Xi Jinping e altri alti dirigenti “hanno la responsabilità primaria” per ciò che è accaduto nello Xinjiang: “questo vasto apparato di repressione statale non potrebbe esistere se un piano non fosse stato autorizzato ai massimi livelli”.

Pechino ha costantemente negato tutte le accuse di maltrattamento degli uiguri o di altri gruppi etnici, che sono stati oggetto di una repressione senza precedenti dal 2017.


Il rapporto ufficiale statunitense parla di questioni molto significative per i diritti umani che includono “rapporti credibili” di: uccisioni arbitrarie o illegali da parte del governo; sparizioni forzate; tortura; condizioni carcerarie e di detenzione dure e pericolose per la vita; detenzione arbitraria, inclusi la detenzione di massa di oltre un milione di uiguri e membri di altri gruppi minoritari a maggioranza musulmana in campi di internamento extragiudiziale e l’obbligo per altri due milioni di sottoporsi a formazione di “rieducazione” solo diurna; prigionieri politici; rappresaglie politicamente motivate contro individui al di fuori del Paese; mancanza di una magistratura indipendente e controllo del Partito Comunista sul sistema giudiziario; interferenza arbitraria con la privacy, compresi la sorveglianza e il monitoraggio tecnico pervasivi e intrusivi; punizione di familiari per reati asseritamente commessi da un individuo; gravi restrizioni alla libertà di espressione e ai media, compresi gli attacchi fisici e il perseguimento penale di giornalisti, avvocati, scrittori, blogger, dissidenti, firmatari e altri, nonché dei loro familiari; gravi restrizioni alla libertà di internet, compreso il blocco dei siti; sostanziale interferenza con la libertà di riunione pacifica e di associazione, con leggi eccessivamente restrittive che si applicano alle organizzazioni non governative straniere e nazionali; severe restrizioni e soppressione della libertà religiosa; restrizioni sostanziali alla libera circolazione; respingimento dei richiedenti asilo in Corea del Nord, dove nutrono un fondato timore di persecuzioni, comprese la tortura e la violenza sessuale; impossibilità per i cittadini di scegliere pacificamente il proprio governo attraverso elezioni libere ed eque; gravi atti di corruzione del governo; sterilizzazione e aborti forzati; tratta di persone, compreso il lavoro forzato; violenza nei confronti di membri di minoranze nazionali, razziali ed etniche; severe restrizioni ai diritti del lavoro, compresi il lavoro minorile e il divieto ai lavoratori di organizzare sindacati di propria scelta o aderirvi.


A tutto questo si aggunge un uso molto esteso della pena di morte.


Il governo ha condotto arresti arbitrari di massa di uiguri, kazaki etnici, kirghisi e membri di altri gruppi di minoranze nello Xinjiang. Amnesty International, Human Rights Watch e altre ONG hanno affermato che questi arresti equivalgono spesso a sparizioni forzate, quando alle famiglie non vengono fornite informazioni sulla durata o sul luogo della detenzione.


Membri del gruppo etnico minoritario uiguro hanno denunciato torture sistematiche e trattamenti degradanti da parte di agenti delle forze dell’ordine e funzionari che lavorano all’interno del sistema penale e dei campi di internamento. In un rapporto di ottobre 2021 della CNN, un ex investigatore della polizia della RPC, che ora vive in Europa e che ha avuto più turni di servizio nello Xinjiang, ha confermato molte di queste accuse specifiche, in quella che ha descritto come una campagna sistematica di tortura.


Nel marzo 2021 il Newlines Institute for Strategy and Policy ha pubblicato una valutazione completa delle azioni della RPC nello Xinjiang per esaminare “se la Cina fosse responsabile per le violazioni dell’articolo II della Convenzione sul Genocidio, in particolare, se la Cina stesse commettendo un genocidio contro gli uiguri, come definito dall’articolo II della Convenzione stessa”.


Il rapporto include i contributi di oltre 30 studiosi e ricercatori e ha rilevato che la RPC ha attuato una campagna progettata per eliminare gli uiguri, in tutto o in parte. Il rapporto afferma: “funzionari di alto livello hanno dato l’ordine di ‘radunare tutti coloro che devono essere radunati’, ‘spazzarli via completamente’, ‘spezzare il loro lignaggio, spezzare le loro radici, spezzare le loro connessioni e spezzare le loro origini".

Nel giugno 2021 Amnesty International ha pubblicato un rapporto che ha documentato i resoconti di oltre 50 ex detenuti riguardo alle torture, ai maltrattamenti e alle violenze di cui sono stati vittime nei campi dello Xinjiang.


Il rapporto descrive in dettaglio l’uso sistematico dei centri di detenzione e “rieducazione” contro gli uiguri e i membri di altre minoranze etniche della regione.

Il documento conclude che “secondo le prove raccolte da Amnesty International, corroborate da altre fonti attendibili, membri delle minoranze etniche a maggioranza musulmana nello Xinjiang sono stati oggetto di un attacco che incontra tutti gli elementi contestuali di crimini contro l’umanità”. Inoltre, approfondisce il tipo di violenza e detenzione affermando:

“Amnesty International ritiene che le prove raccolte forniscano una base fattuale per concludere che il governo cinese abbia commesso almeno i seguenti crimini contro l’umanità: reclusione o altra grave privazione della libertà fisica in violazione delle regole fondamentali del diritto internazionale, tortura, e persecuzione”

È stata documentata anche la rappresaglia politica contro individui che si trovano fuori dal Paese. Minacce, molestie, sorveglianza e coercizione: durante tutto il 2021 sono proseguite le segnalazioni riguardanti la pressione della RPC sui parenti nello Xinjiang di persone che si trovavano al di fuori della Cina, che hanno parlato pubblicamente delle detenzioni e delle politiche abusive in corso. Il governo ha fatto pressioni sui Paesi stranieri affinché rimpatriassero o negassero i visti agli uiguri che avevano lasciato la Cina. Inoltre, le drastiche misure relative al Covid, come i checkpoint e i lunghissimi e rigidi lockdown, hanno ulteriormente limitato la libertà di movimento.



Nota: il Governo in esilio del Turkistan orientale (ETGE) è un governo parlamentare in esilio con sede a Washington, DC, che rappresenta gli uiguri e altri popoli turchi del Turkistan orientale e sostiene il ripristino dell'indipendenza del Turkistan orientale sulla scena globale


9 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page