USA, ora serve coraggio: aiuta i Paesi in via sviluppo dando una spallata alla Cina!

Da quando Mosca ha invaso l'Ucraina, l'Occidente e il resto del mondo si sono divisi lungo due assi: da un lato la NATO anti-Putin e i suoi alleati, dall'altro le nazioni emergenti. Questa doppia divisione - sentimento anti-occidentale combinato con rimostranze economiche e di instabilità politica dei Paesi più poveri - dovrebbe essere affrontata da Biden. Ed un rimedio c'è: la cancellazione del debito anche come strumento di contrasto della Cina


Geopolitics


G Iuvinale

Per affrontare una lunga lotta con la Russia, Biden non dovrebbe pensare solo all'Occidente e all'Indo-Pacifico. Questo è il momento opportuno per rivolgere lo sguardo ai Paesi in via di sviluppo che, più di tutti, soffriranno anche per gli effetti delle sanzioni occidentali. Ed un rimedio c'è: cancellare il debito anche come strumento geopolitco di contrasto del potere egemonico della Cina.


Da quando Mosca ha invaso la vicina Ucraina, l'Occidente e il resto del mondo si sono divisi lungo due assi. Politicamente, la NATO anti-Putin e i suoi alleati sono in contrasto con le nazioni emergenti che non vedono un male nell'invasione e, per questo, si sono rifiutate di condannare la Russia in seno alle Nazioni Unite. Il tutto, con l'appoggio strumentale della Cina che ieri (19 aprile) ha finanche censurato le sanzioni internazionali di "congelamento" dei beni russi definendole una violazione della sovranità. Una evidente affermazione, questa, che presenta una contraddizione in termini: la medesima valutazione non vale per l'invasione russa, evidentemente. E ciò a dimostrazione di quanto si va affermando: mentre la tragedia umanitaria prosegue e le sfide legate al ritorno del COVID in Cina aumentano, Pechino ribadisce che nessuna prova sulle atrocità russe la spingerà a vacillare nella sua decisione di schierarsi con Mosca.

Economicamente, l'Occidente è alle prese con l'inflazione e debiti pubblici alti, ma i paesi più poveri affrontano ora la prospettiva molto più grave: rivolte per il cibo, crisi del debito e crolli del regime interno con conseguente instabilità politica.

Questa doppia divisione - sentimento anti-occidentale combinato con rimostranze economiche e di instabilità politica - è una cattiva notizia per la squadra di Biden, sostengono alcuni esperti, tra i quali il Council on Foreign Relations.

Se i paesi in via di sviluppo disperati si metteranno in fila per acquistare petrolio e gas dalla Russia a buon prezzo, Putin non sarà isolato. Se denunciano (e contrastano) gli Stati Uniti e i loro alleati alle Nazioni Unite, sarà più difficile sostenere la coalizione occidentale.

Il sentimento anti-occidentale, oltre al fallimento dello stato, può anche influenzare direttamente la sicurezza degli Stati Uniti. Questa è stata la lezione degli attacchi terroristici del 2001, lanciati dal fallito stato dell'Afghanistan. Fu anche la lezione, durante la Guerra Fredda, della rivoluzione di Fidel Castro a Cuba e dell'ascesa dei mullah in Iran.

Né il fallimento dello stato, né il sentimento anti-occidentale possono essere eliminati, ma una seria strategia statunitense dovrebbe mirare a contenerli entrambi. E questa politica, al momento, non si vede, purtroppo.

L'amministrazione Biden ha definito i suoi obiettivi nella lotta contro Vladimir Putin: "un'Ucraina libera e indipendente, una Russia indebolita e isolata e un Occidente più forte, più unito, più determinato ".

Ma gli incontri di questa settimana tra il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale sembrano dimostrare quanto l'amministrazione sia lontana dal realizzare questa visione di contenimento a lungo termine. Se il team di Biden vuole rilanciare la strategia della Guerra Fredda, deve considerare il ruolo della politica economica e deve pensare al di là dell'Occidente: deve rivolgere lo sgardo ai Paesi in via di sviluppo.

Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale sono stati creati nel 1944 proprio per far fronte a questi pericoli, dice il CFR. Quando la rivoluzione cubana ha dimostrato che queste istituzioni avevano bisogno di un rafforzamento, i Paesi ricchi hanno dotato la Banca Mondiale delle risorse per concedere prestiti molto più convenienti.

Dopo gli attacchi terroristici del 2001, George W. Bush ha lanciato tre iniziative di sviluppo:

Qual è, dunque, il rischio?

Attualmente i Paesi più poveri dovranno affrontare una doppia crisi economica. E se l'Occidente non li aiuterà, ne subiranno tutte le conseguenze, incolpando i Paesi più ricchi quali attori "colpevoli" del danno subito.

La Federal Reserve, la Banca centrale USA, è destinata ad aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo, il che colpirà i Paesi poveri che hanno preso in prestito in dollari. Nel frattempo, le sanzioni occidentali alla Russia stanno facendo salire il costo della vita. I prezzi del cibo sono aumentati di un terzo rispetto ad un anno fa. L'Egitto, fortemente dipendente dalle importazioni di grano russo e ucraino, ha subito una brusca perdita di fiducia degli investitori e ha dovuto svalutare la propria valuta. Lo Sri Lanka, di fronte alle proteste di piazza e all'inflazione incontrollata, ha sospeso i pagamenti del suo debito estero. Come riportato da David J. Lynch di The Post , le panetterie tunisine sono spesso senza pane a mezzogiorno. "Ci sarà una rivoluzione in arrivo", ha affermato un accademico locale.

Serve, quindi, invertire questa spirale.

Un rapporto del FMI, pubblicato ieri, esamina il rischio che questo problema si diffonda. I prezzi dei generi alimentari hanno superato il picco massimo del 2011, quando l'aumento ha contribuito a far precipitare gli sconvolgimenti della Primavera Araba. I costi del servizio del debito, già in aumento, cresceranno ulteriormente mentre la Fed continua ad aumentare i tassi. Gli investitori internazionali stanno ritirando denaro dai mercati in via di sviluppo, lasciando più titoli di stato nei libri contabili delle banche locali. Come osserva minacciosamente il FMI, se i governi sono inadempienti, rischiano di trascinare al ribasso le banche. Affamate di credito, intere economie potrebbero implodere.

Sorprendentemente, afferma il CFR, nell'era di Trump, il mondo ricco ha affrontato la sfida della recessione del covid-19 organizzando una riduzione temporanea del debito ì. Ora, invece, sta sorvolando su questi problemi. Le proposte per un programma di riduzione del debito a lungo termine noto come Quadro comune si sono arenate. La promessa dello scorso anno di aiutare i paesi poveri fornendo loro diritti speciali di prelievo, una sorta di valuta emessa dal FMI, deve ancora essere attuata . Anche prima della guerra in Ucraina, i capi della Banca Mondiale e del FMI hanno dichiarato pubblicamente la loro frustrazione, invitando le nazioni creditrici ad affrontare la sfida del debito prima che le insolvenze e le crisi si diffondessero. Ora, con l'economia mondiale che vacilla a causa del conflitto, la sfida è doppiamente urgente.

Per questa deriva, gli Stati Uniti hanno la stessa colpa di qualsiasi altro paese. E l'attuale amministrazione USA non ha dato la priorità alla cancellazione del debito.

E mentre la Banca Mondiale ha promesso in settimana di aumentare i prestiti ai paesi poveri, il Congresso USA sta seppellendo l'iniziativa sui diritti speciali di prelievo.

Male, molto male.

Per la maggior parte del secondo dopoguerra, gli incontri primaverili della Banca Mondiale e del FMI sono stati un'opportunità per gli Stati Uniti di mostrare la leadership economica globale.

Se l'amministrazione Biden prenderà sul serio la geopolitica sulla scia dell'Ucraina, deve persuadere il Congresso a finanziare le priorità dalla riduzione del debito con i diritti speciali di prelievo. La lunga lotta per il contenimento richiederà una coalizione quanto più ampia possibile. L'Occidente non basta, sostengono gli esperti.

In questo modo gli USa avrebbero l'opportunità di prendere due piccioni con una fava: recuperare un rapporto con i Paesi poveri, contenendo, al contempo, l'espansione imperialista della Cina che si alimenta dal sentimento anti-occidente.

37 visualizzazioni0 commenti