Dalla dittatura al gioco d'azzardo in Cina. Cosi l'autoesaltazione di Xi. La fine del sogno cinese?

Nel tentativo di mantenere una politica "zero-Covid", una crescita economica del 5,5% e la propria presa sul potere, il presidente cinese Xi Jinping si sta trasformando da leader a giocatore d'azzardo politico


di Nicola Iuvinale


Il 29 aprile, in una riunione del Comitato Centrale del Politburo del Partito Comunista Cinese (PCC), il presidente cinese Xi Jinping ha sottolineato, ancora una volta, la necessità per il Paese di mantenere la sua politica "zero-Covid" pur continuando a perseguire l'obiettivo della crescita economica del 5,5% annuo.

Non ci sarebbero compromessi.

Sono queste le principali priorità per mantenere il potere al 20 ° Congresso Nazionale del PCC in ottobre. Sulla base di qualsiasi standard oggettivo, i due obiettivi sembrano essere in netto contrasto. Inoltre, Xi ha recentemente mostrato non solo ostinazione, ma anche paranoia; due ulteriori ostacoli al raggiungimento dei suoi simultanei obiettivi.

Questo non significa che abbia abbandonato uno dei due; significa solo che Xi sta diventando meno dittatore è più giocatore d'azzardo politico.

Nessun leader del PCC, dai tempi di Mao Zedong, ha creato da solo così tanto tumulto e così tante crisi come Xi Jinping, incluso il continuo deterioramento delle relazioni tra Cina e Occidente, la catastrofe umanitaria generata dalle draconiane misure di controllo del Covid-19 e le severe stagnazioni economiche. Non sorprende che la reputazione internazionale di Xi sia in declino. Sebbene i sondaggi dell'opinione pubblica indipendente non siano trasparenti in Cina, sembra che il sostegno di Xi sia in calo anche all'interno del PCC e dell'opinione pubblica cinese.

Le prospettive per lui non sono favorevoli.

Nel 2018 ha eliminato il limite di due mandati presidenziali; ora dovrebbe cercare un terzo mandato.

Negli ultimi anni di auto-esaltazione di Xi e della sua campagna di adorazione personale sostenuta dal Partito, tuttavia, la situazione è diventata più difficile: praticamente in ogni campo, dagli indicatori economici e finanziari, alla scienza e tecnologia, alla lotta contro la pandemia, gli indicatori di performance sono strettamente legati alla presunta "saggezza, grandezza e correttezza" di Xi; alla legittimità del suo governo e alla stabilità del suo potere; e persino alla superiorità del sistema statale di "socialismo con caratteristiche cinesi".

Ecco perché Xi non ha altra scelta che giocare d'azzardo.

Xi ha scommesso su due obiettivi per il 2022: sradicare la pandemia e raggiungere una solida crescita economica. Il successo del primo è già stato celebrato nei libri di testo cinesi di produzione statale. Per quanto riguarda quest'ultimo, l'obiettivo, "circa il 5,5 per cento", è indicato in un rapporto di lavoro del governo centrale pubblicato a marzo. Xi ha ordinato a fonti citate dal Wall Street Journal di assicurarsi che la crescita economica della Cina "superi quella degli Stati Uniti quest'anno". Se questi obiettivi venissero raggiunti, nonostante gli ostacoli, il raggiungimento sarebbe estremamente positivo per la reputazione politica di Xi in patria e all'estero e per la sua aspirazione all'autorità suprema per tutta la vita sul PCC.

Tuttavia, la campagna "zero-Covid" della Cina, ovvero il raggiungimento e il mantenimento di nuove infezioni da SARS-CoV-2 a livello nazionale, è alle prese con un virus altamente trasmissibile, estremamente dinamico e generalmente implacabile. L'idea che le nuove infezioni possano essere ridotte sostanzialmente a zero in un paese di 1,4 miliardi di persone contraddice la scienza, il buon senso e l'esperienza pratica.

Shanghai, la municipalità più popolosa e benestante della Cina, è stata chiusa per oltre un mese. A metà aprile, dopo l'ennesima ondata, Nomura International (Hong Kong) Ltd. ha riferito che fino a 45 città in Cina erano in blocco totale o parziale; comprendevano circa 370 milioni di persone, ovvero più di un quarto della popolazione del paese. Anche nelle città in cui il tasso di infezione segnalato è sceso a zero ad un certo punto, sono ricomparsi nuovi contagi, stimolando blocchi che sono stati numerosi e prolungati.

Il risultato è che la campagna sponsorizzata da Xi e sostenuta dal PCC per sfidare il virus gain-of-function–enhanced ha preso in ostaggio più di un miliardo di cinesi, a costo della loro libertà, dignità e sopravvivenza.

Ha innescato un enorme disastro umanitario che ha spaventato il mondo. Se la scommessa di Xi abbia qualche possibilità di successo sta diventando sempre più irrilevante: il popolo cinese è fisicamente e mentalmente esausto. Sono preoccupati non di quando o se il virus potrà essere completamente eliminato, ma di come la politica cinese possa essere modificata per offrire alle persone una "via d'uscita".

Ma per Xi, questa è una guerra personale (proprio come l'invasione russa dell'Ucraina è la guerra personale di Putin), una guerra che non può permettersi di perdere.

A meno di "cucinare i libri", sarà estremamente difficile per la Cina raggiungere l'obiettivo di crescita economica dichiarato quest'anno.

Alla Conferenza annuale sul lavoro economico centrale alla fine del 2021, è stato suggerito che l'economia cinese avrebbe dovuto affrontare "tre volte la pressione" nel 2022: "contrazione della domanda, shock dal lato dell'offerta e indebolimento delle aspettative di crescita". Anche questa previsione apparentemente dura, tuttavia, è un eufemismo. La Cina deve affrontare ulteriori pressioni dall'epurazione da parte di Xi di diverse industrie nazionali e mercati dei capitali; una ricorrenza del guojin-mintui (il “progresso dello stato” e il “ritiro del settore privato”); e la pressione esterna prodotta dal continuo confronto della Cina con gli Stati Uniti.

Il clima politico incerto della Cina, insieme alle aspettative economiche pessimistiche, ridurrà significativamente la volontà delle imprese di investire e dei consumatori di spendere.

Inoltre, quando Xi ha fissato l'obiettivo di crescita economica di quest'anno a marzo, a quanto pare non ha tenuto adeguatamente conto degli effetti collaterali della guerra russo-ucraina sulla Cina o di anticipare l'impatto che il prolungato blocco di Shanghai avrebbe avuto sull'economia cinese e sui suoi discretionary consumption.

Dietro le due scommesse high-stakes di Xi si cela l'insaziabile ambizione di un dittatore e il suo conseguente senso di insicurezza. Prima della pandemia, le politiche di Xi hanno avuto un successo limitato. Porre fine alla pandemia e raggiungere una solida crescita economica gli darebbe una rinnovata credibilità e, cosa ancora più importante, farebbe molto per dissuadere potenziali oppositori politici dal sfidarlo al Congresso Nazionale del PCC questo autunno, quando cerca il suo terzo mandato consecutivo.

Tuttavia, nonostante l'ascesa di Xi da sovrano a imperatore de facto , l'arena politica non è mai calma, specialmente per i regimi totalitari, in cui le lotte per il potere mancano di vincoli e le contese per le regole sono combattute fino alla morte. Pertanto, Xi deve essere pronto a utilizzare sia tecniche offensive che difensive.

I suoi due obiettivi: zero Covid e una crescita del 5,5% non si limitano a vicenda, ma sono probabilmente in conflitto.

Lo spietato e irrealistico obiettivo "zero-Covid" di Xi si è aggiunto ai guai dell'economia cinese già martoriata.

Ma la "Zero Covid" cinese è diventata anche la nemesi di Xi.

Pechino ha esagerato con il suo sistema di controllo delle malattie basato sulla sorveglianza e ha sottovalutato il virus mutaforma. Il risultato è un pasticcio economico, anche se probabilmente non una crisi politica. "Ma quanto saranno grandi le conseguenze economiche dell'ultimo disperato sforzo di Xi per mantenere Zero Covid? Più grandi di quanto attualmente si aspettano gli investitori occidentali..."."Parla con le persone della comunità imprenditoriale cinese e sentirai frasi come "l'economia è la peggiore che sia mai stata nella mia memoria". Di recente le tendenze su Toutiao (il Twitter cinese per le notizie) sono state domande su come trasferirsi fuori dalla Cina"

Se l'obiettivo zero Covid e una crescita del 5,5% non può essere raggiunto a breve termine, allora, a meno che il PCC non modifichi la sua strategia Covid-19 dall'eradicazione della pandemia al contenimento della pandemia, la ripresa economica sarà semplicemente irraggiungibile.

Quando Xi ha presieduto una riunione della Commissione centrale per gli affari finanziari ed economici il 26 aprile, ha sottolineato l'importanza dei progetti infrastrutturali sostenuti dallo stato per garantire lo sviluppo economico interno. Secondo un recente riassunto di Bloomberg, i governi locali, per volere della leadership centrale, hanno stilato elenchi di migliaia di "grandi progetti" con investimenti previsti di almeno 14,8 trilioni di yuan (circa 2,2 trilioni di dollari di dollari) quest'anno. In altre parole, il regime, dopo aver ridotto in modo significativo il tasso di crescita degli investimenti infrastrutturali nell'ultimo decennio, lancerà ora un nuovo ciclo di "grandi progetti" nel tentativo di aiutare Xi a raggiungere l'obiettivo di crescita economica di quest'anno.

Bloomberg Economics vede oggi la Cina rallentare al 2% sui cordoli del Covid. Un tale tasso di crescita sarebbe il più debole dai tempi della Rivoluzione culturale. All'indomani della repressione di piazza Tienanmen, un'economia cinese molto più piccola è cresciuta del 3,9% nel 1990. Sarebbe la prima volta, per la nazione cinese, porsi significativamente al di sotto dell'obiettivo annuale, da quando la pratica è stata adottata alla fine degli anni '90.

Alla riunione del Politburo del 29 aprile , Xi, oltre a ribadire l'importanza di raggiungere sia l'obiettivo "zero-Covid" che l'obiettivo annuale di crescita economica, ha anche affermato che la Cina deve apportare aggiustamenti macro-politici per promuovere la stabilità e una sana crescita del mercato immobiliare, mantenere i mercati dei capitali senza intoppi e promuovere il sano sviluppo dell'economia delle piattaforme (attività economica facilitata da piattaforme come Taobao, JD.com e Meituan). Tali segnali di un moderato allentamento delle regole del settore privato possono aiutare a ripristinare la fiducia dei cinesi nell'economia nazionale.

Ma Xi ha anche coperto le sue scommesse frenando, spesso con mezzi extralegali, le élite economiche che potrebbero rappresentare una minaccia politica, attraverso il loro potere di capitale o l'influenza sociale.

Così, alla sessione di studio del Politburo tenutasi poche ore dopo l'incontro in cui Xi ha espresso il suo sostegno allo sviluppo del mercato immobiliare cinese, dei mercati dei capitali e dell'economia delle piattaforme, ha sottolineato l'importanza di regolare il flusso e la distribuzione del capitale e persino collegato alla "sicurezza nazionale" e alla "stabilità sociale".

In un paragrafo del suo discorso, Xi ha usato la parola "regolamentazione" ventisei volte. Tale linguaggio esprime la sfiducia di Xi nei confronti del potere del capitale e, cosa più importante, di coloro chi lo possiede.

Questa sfiducia è stata chiaramente espressa in altri modi. Il 3 maggio, CCTV, la principale emittente di propaganda statale cinese, ha riferito che "qualcuno di nome Ma a Hangzhou" era sospettato di utilizzare Internet per "impegnarsi in attività che mettono in pericolo la sicurezza nazionale", portando a una frenesia di attività di ricerca sulla piattaforma di microblogging Weibo. Si ipotizzava che la persona "soprannominata Ma" fosse un riferimento sottilmente velato al fondatore e multimiliardario di Alibaba Jack Ma. Quando le contrattazioni sono state aperte il giorno successivo, il prezzo delle azioni di Alibaba è diminuito del 9%.

Il prezzo delle azioni si è ripreso dopo che CCTV ha "chiarito" che non si trattava necessariamente di Jack Ma.

La lezione non è la sciatteria della copertura della storia da parte dei media statali, ma la diffusa percezione del pubblico che il regime di Xi sia disposto, e certamente in grado, di prendere di mira gli imprenditori privati ​​e, in effetti, anche i magnati degli affari di maggior successo del paese. Questa percezione si è formata ed è cresciuta negli ultimi anni quando Xi ha represso le élite nei settori commerciale e dei capitali.

Se Xi vincesse la sua "scommessa" sui suoi due obiettivi politici, potrebbe essere certo che qualsiasi aspirante oppositore, all'interno del PCC, sarà dissuaso; in effetti, tale opposizione sarebbe privata di ogni possibilità di resistere alle ambizioni politiche di Xi.

Tuttavia, il potere del capitale rappresenta una minaccia complessa.

Xi ha bisogno di artisti del calibro di Tencent e Alibaba (giganti tecnologici con capitalizzazioni di mercato di centinaia di miliardi di yuan, a seconda dei giorni) per mantenere i suoi obiettivi di crescita economica e, quindi, mantenere la legittimità della sua leadership; quindi, non può sopprimere indiscriminatamente il settore privato. Allo stesso tempo, le vaste risorse economiche e l'influenza sociale detenute dagli imprenditori privati ​​sono fonte di costante disagio psicologico per Xi. Tale disagio esisteva prima del 20° anniversario del Congresso Nazionale del Partito e durerà ancora. Proprio per questo, durante la riunione mattutina del Politburo e la sua “sessione di studio” pomeridiana del 29 aprile, Xi ha espresso due posizioni contraddittorie nei confronti del capitale privato.

Gli osservatori sono divisi sul fatto che Xi vincerà la sua scommessa ad alto rischio. L'esito finale della sua scommessa sarà noto solo dopo il Congresso Nazionale del PCC autunno. Ma a giudicare dalle tendenze attuali, l'entità della scommessa di Xi aumenterà solo nel tempo. Anche se, come ultima risorsa, i due suddetti obiettivi politici di Xi sono romanzati attraverso la lente sfocata della propaganda di stato, in cui i fatti sono nascosti e i dati inventati per creare la sua vittoria anticipata, ciò non riuscirebbe comunque a fornire una spinta sostenuta al suo prestigio politico.

Con il passare degli anni del governo dittatoriale di Xi e con l'invecchiamento, i suoi timori sulla stabilità del suo potere e i sospetti sui potenziali rivali non faranno che intensificarsi. Allo stesso tempo, sempre più indicatori di performance cinesi saranno legati alla “grandezza, saggezza e correttezza” di Xi; la legittimità e la permanenza del suo governo e la percepita superiorità istituzionale della Cina (sopra gli Stati Uniti, in particolare).


Fonte: American Purpose di Jianli Yang presidente e fondatore di Citizen Power Initiatives for China e autore di For Us, The Living: A Journey to Shine the Light on Truth (2021) e Yan Yu (pseudonimo) intellettuale pubblico in Cina.

La foto è del Financial Times


57 visualizzazioni0 commenti